Diagnosi e trattamento del cancro colorettale metastatico

Oncologia | Redazione DottNet | 23/02/2021 18:39

Tra le persone a cui è stato diagnosticato un cancro colorettale metastatico, circa il 70-75% dei pazienti sopravvive oltre 1 anno30 dal% al 35% oltre i 3 anni e meno del 20% oltre i 5 anni dalla diagnosi

Il cancro del colon-retto è la terza causa più comune di mortalità per cancro per uomini e donne negli Stati Uniti, con 53.200 decessi previsti nel 2020. Tra le persone a cui è stato diagnosticato un cancro colorettale metastatico, circa il 70-75% dei pazienti sopravvive oltre 1 anno30 dal% al 35% oltre i 3 anni e meno del 20% oltre i 5 anni dalla diagnosi. Il trattamento principale per il CRC metastatico non resecabile è la terapia sistemica (chemioterapia citotossica, terapia biologica come anticorpi contro i fattori di crescita cellulare, immunoterapia e loro combinazioni). Studi clinici completati negli ultimi 5 anni hanno dimostrato che l'adattamento del trattamento alle caratteristiche molecolari e patologiche del tumore migliora la sopravvivenza globale.

Il profilo genomico per rilevare le varianti somatiche è importante perché identifica i trattamenti che possono essere efficaci.I tumori KRAS / NRAS / BRAF wild-type, cetuximab e panitumumab (anticorpi monoclonali contro il recettore del fattore di crescita epiteliale [EGFR]), in combinazione con la chemioterapia, possono estendere la sopravvivenza mediana da 2 a 4 mesi rispetto alla sola chemioterapia. Tuttavia, per il 35-40% dei pazienti con variazioni di sequenza KRAS o NRAS (precedentemente denominate mutazioni ), non sono ancora disponibili terapie mirate efficaci. Dal 5% al ​​10% con BRAF V600Evariazioni di sequenza, la terapia di combinazione mirata con BRAF e inibitori dell'EGFR ha esteso la sopravvivenza globale a 9,3 mesi, rispetto a 5,9 mesi per coloro che ricevevano la chemioterapia standard. Per il 5% con instabilità dei microsatelliti (presenza di numerose inserzioni o delezioni in unità ripetitive di DNA) o deficit di riparazione per mismatch, l'immunoterapia può essere utilizzata nella prima linea o nella successiva e ha migliorato i risultati del trattamento con una sopravvivenza globale mediana di 31,4 mesi in pazienti trattati.

Conclusioni e rilevanza   I progressi nel profilo molecolare del CRC metastatico facilitano la capacità di indirizzare i trattamenti alle caratteristiche biologiche del tumore per sottogruppi di pazienti specifici. Sebbene le cure rimangano rare, più pazienti possono prevedere una sopravvivenza estesa. Il profilo genomico consente la selezione del trattamento in modo che più pazienti traggano beneficio e meno siano esposti alla tossicità da terapie inefficaci.

 

fonte: Jama

Ultime News