I farmaci più recenti nella gestione del diabete di tipo 2

Farmaci | Redazione DottNet | 23/02/2021 19:23

La migliore terapia per un paziente con infarto miocardico acuto e diabete di tipo 2

Francesco Prattichizzo e Antonio Ceriello  sollevano un punto importante discutendo la migliore terapia per un paziente con infarto miocardico acuto e diabete di tipo 2 di nuova diagnosi nel contesto del consensus report dell'American Diabetes Association (ADA) e della European Association for the Study of Diabetes (EASD )  e le linee guida della Società Europea di Cardiologia (ESC). Prattichizzo e Ceriello suggeriscono che l'unico approccio che comprende tutte le conoscenze disponibili per un paziente con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi e malattia cardiovascolare sarebbe la terapia di combinazione di metformina più un inibitore SGLT2 o un agonista del recettore GLP-1 sin dall'inizio.

Questo problema riguarda la discussione in corso sulla terapia di prima linea nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari. In pazienti con entrambe le condizioni, il consensus report ADA – EASD raccomanda la terapia di prima linea con metformina e quindi l'aggiunta di un inibitore SGLT2 o di un agonista del recettore GLP-1,  considerando che le linee guida ESC raccomandano un inibitore SGLT2 o un agonista del recettore GLP-1 come terapia di prima linea, seguito dall'aggiunta di metformina come richiesto per il controllo glicemico. Al momento, non è chiaro in che misura l'uso della metformina come terapia di base negli studi sugli esiti cardiovascolari degli inibitori SGLT2 e degli agonisti del recettore GLP-1 abbia avuto un effetto sul beneficio cardiovascolare mostrato con questi farmaci, con dati contrastanti provenienti dalle analisi di sottogruppi

IIdealmente, uno studio controllato randomizzato che confronti la metformina con un inibitore SGLT2 o un agonista del recettore GLP-1 come trattamento di prima linea aiuterebbe a risolvere questa controversia; tuttavia, è improbabile che un simile processo venga mai fatto. Pertanto, è importante garantire che i pazienti con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari ricevano farmaci che hanno dimostrato di fornire un chiaro beneficio cardiovascolare in questa popolazione ad alto rischio. Inoltre, poiché molti pazienti richiederanno un'intensificazione della terapia ipoglicemizzante con l'uso di due o più farmaci e dato che in molti paesi gli inibitori SGLT2 e gli agonisti del recettore GLP-1 sono approvati solo per l'uso con metformina, nella pratica clinica i pazienti con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari molto probabilmente riceverà comunque una terapia di combinazione precoce, rendendo meno importante l'apparente controversia sul posizionamento della metformina.

Fondamentalmente, la gestione del diabete di tipo 2 è sia dinamica che personalizzata, dinamica in quanto gli operatori sanitari dovrebbero essere sempre preparati ad alterare la gestione in risposta alle mutevoli situazioni e personalizzata nel senso di essere adattati per affrontare le esigenze del singolo paziente. Su questa base, un medico potrebbe prendere una decisione terapeutica diversa in un paziente con malattia cardiovascolare e diabete ben controllato rispetto a uno con malattia cardiovascolare e diabete scarsamente controllato, per il quale potrebbe essere necessaria una serie di terapie aggiuntive tra cui metformina e talvolta insulina. la gestione del diabete di tipo 2 è sia dinamica che personalizzata - dinamica in quanto gli operatori sanitari dovrebbero essere sempre preparati ad alterare la gestione in risposta alle mutevoli situazioni e personalizzati nel senso di essere adattati alle esigenze del singolo paziente. Infine, la nostra visione personale, nasce dalla preoccupazione che le discussioni in corso incentrate sulle differenze tra i due documenti possano contribuire all'inerzia clinica, negando così efficacemente trattamenti basati sull'evidenza nei pazienti ad alto rischio con diabete di tipo 2 e malattie cardiorenali. Pertanto, vorremmo sottolineare ancora una volta la nostra conclusione: "È tempo di agire per garantire che i pazienti con diabete ad alto rischio cardiorenale ricevano i benefici degli agonisti del recettore GLP-1 e degli inibitori SGLT2 attraverso la collaborazione dei professionisti coinvolti nella loro cura"

 

fonte: The Lancet

 

Ultime News