Covid e Vitamina D: vantaggi possibili ma le prove sono scarse e inconcludenti

Medicina Interna | Redazione DottNet | 04/03/2021 21:47

Sebbene manchi la prova diretta di un legame tra i livelli di vitamina D e l'incidenza o gli esiti di covid-19, esistono prove indirette di un ruolo immunomodulatore della vitamina D nelle infezioni respiratorie

La pandemia covid-19 ha portato a molte affermazioni infondate e a volte anche esagerate sui possibili trattamenti contro il virus. Una controversia di alto profilo è stata il ruolo della vitamina D nella prevenzione e nella gestione del covid-19,  quindi le linee guida rapide del National Institute for Health and Care Excellence (NICE), della Public Health England e del Scientific Advisory Committee on Nutrition sono tempestive.

La guida congiunta conclude che ci sono poche prove valide sulla vitamina D e sul covid-19, evidenzia la necessità di ulteriori ricerche e supporta il parere del governo esistente secondo cui adulti e bambini nel Regno Unito dovrebbero assumere 10 μg (400 UI) al giorno tra ottobre e Marzo, per ottimizzare la salute muscolo-scheletrica. Raccomanda inoltre che alcune popolazioni, come i gruppi etnici minoritari, prendano in considerazione l'assunzione di vitamina D durante tutto l'anno.

Quali sono le prove?

L'integrazione di vitamina D di 10-25 μg al giorno ha un modesto effetto protettivo contro le infezioni respiratorie acute,  ma la ricerca su un effetto diretto nel covid-19 è scarsa. La revisione NICE 5 includeva un piccolo studio controllato randomizzato sulla vitamina D come trattamento,  nessuno studio sulla vitamina D come prevenzione e 12 studi osservazionali che investigavano le associazioni tra le concentrazioni sieriche di vitamina D e l'incidenza o il trattamento di covid-19. L'unico piccolo (n = 76) studio di bassa qualità in Spagna ha riportato una gravità della malattia significativamente ridotta tra i pazienti trattati con alte dosi di vitamina D durante il loro ricovero ospedaliero.

Due ulteriori studi non inclusi nella revisione NICE hanno riportato risultati contrastanti. Una singola dose orale di 5000 μg di vitamina D 3 non ha influenzato la durata della degenza tra i pazienti brasiliani con grave covid-19 (n = 240). In uno studio più piccolo dall'India, tuttavia, (n = 40) pazienti con covid-19 lieve o asintomatico avevano maggiori probabilità di risultare negativi a 21 giorni dopo l'integrazione giornaliera di vitamina D a partire da 1500 μg.  Differenze nei partecipanti; tipo, dose, stato vitaminico iniziale e durata della supplementazione di vitamina D; endpoint dello studio; e il rischio di bias rendono difficile l'interpretazione delle prove dello studio.

Anche le prove osservazionali sono incoerenti. Alcuni, ma non tutti, gli studi riportano un'associazione tra carenza di vitamina D e maggiore incidenza o gravità dell'infezione da SARS-CoV-2. L'entità della confusione incontrollata per età, etnia, eterogeneità genetica, e obesità varia tra gli studi, tuttavia, e probabilmente spiega almeno alcune delle associazioni osservate.

Sebbene manchi la prova diretta di un legame tra i livelli di vitamina D e l'incidenza o gli esiti di covid-19, esistono prove indirette di un ruolo immunomodulatore della vitamina D nelle infezioni respiratorie. Altre prove indirette includono la somiglianza dei fattori di rischio sia per la carenza di vitamina D che per il grave covid-19: avanzata, obesità ed etnia minoritaria. Inoltre, la correlazione tra il declino stagionale delle concentrazioni sieriche di vitamina D e il maggiore carico di covid-19 nei paesi ad alta latitudine. Nel loro insieme, le prove esistenti supportano un motivo convincente per ulteriori ricerche.

Implicazioni per l'orientamento

Sebbene i 10 μg al giorno raccomandati sembrino giustificabili per mantenere le concentrazioni sieriche di 25-idrossivitamina D al di sopra di 25 nmol / L, non è chiaro se questo sia sufficiente per ottenere benefici immunomodulatori per i pazienti con covid-19. Le linee guida del Regno Unito che raccomandano 10 μg al giorno di vitamina D sono in vigore da un po ', ma l'aderenza non è garantita. È quindi opportuno aumentare la consapevolezza dell'importanza della vitamina D per la salute muscoloscheletrica, in particolare durante le restrizioni di movimento pandemiche. Le prove di un ruolo nel covid-19 rimangono solo indicative, ma le persone possono scegliere di prendere la dose raccomandata sul principio precauzionale che non fa male, può essere utile e migliora la salute delle ossa.

I gruppi vulnerabili, in particolare, hanno bisogno di una guida su come ottenere la vitamina D.Gli operatori sanitari possono indirizzare le persone ad alto rischio alla fornitura gratuita di NHS 16 e donne e bambini idonei al programma Healthy Start . Vegetariani e vegani hanno bisogno di una guida più specifica sulle fonti di integratori di vitamina D che corrispondono alle loro scelte alimentari.

È importante che le persone non siano falsamente rassicurate dagli integratori di vitamina D e la guida deve sottolineare l'importanza dell'igiene delle mani, dei rivestimenti per il viso, delle distanze fisiche e della vaccinazione contro il covid-19 in campagne culturalmente e linguisticamente appropriate attraverso gruppi di comunità locali.

Sono ora giustificati ulteriori studi che valutano gli integratori di vitamina D nella prevenzione e nella gestione del covid-19, con particolare attenzione a dosi diverse, livelli di vitamina D di base dei partecipanti e effetti su diversi sottogruppi di popolazione e in diversi contesti, inclusi gli ospedali. Studi in corso come Covit e Coronavit, che confronta tre diverse dosi, aiuteranno a fornire indicazioni future.

 

fonte: BMJ

 

Ultime News