Tutti gli errori di AstraZeneca col suo vaccino, dalla comunicazione alla distribuzione

Farmaci | Redazione DottNet | 14/04/2021 21:41

La storia la ripercorre il Bmj. Il vaccino è stato autorizzato per l'uso in Europa alla fine di gennaio e ha iniziato ad essere utilizzato più ampiamente a febbraio

Un anno difficile per Astra Zeneca e il suo vaccino, come riporta BMJ. Ecco tutte le tappe del siero, salutato come un "vaccino per il mondo" con il suo prezzo basso e la facilità di conservazione. Il candidato vaccino di AstraZeneca ha affrontato una serie di battute d'arresto nel 2021 con domande sull'efficacia, possibili effetti collaterali e controversie di lunga durata sulle forniture.

Non è chiaro il motivo per cui l'azienda anglo-svedese e il suo vaccino siano stati scelti per così tante critiche, ma la scarsa comunicazione sembra essere al centro del problema. Martin McKee, professore di sanità pubblica europea presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine, afferma: “Questa è un'azienda che ha introdotto sul mercato un prodotto innovativo a tempo di record, ma ha gestito male le comunicazioni in ogni fase. La fiducia e la sicurezza sono così importanti per i vaccini: non puoi divorziare dai due ".

Coaguli

L'ultima crisi di AstraZeneca è forse anche la più grande finora. Il suo vaccino è stato collegato alla trombosi, nonché a un raro tipo di coagulo di sangue nel cervello chiamato trombosi del seno venoso cerebrale (CVST), con una serie di episodi nelle donne più giovani.

Il vaccino è stato autorizzato per l'uso in Europa alla fine di gennaio e ha iniziato ad essere utilizzato più ampiamente a febbraio. Il 7 marzo le autorità austriache hanno annunciato che stavano indagando su un decesso forse correlato al vaccino. Pochi giorni dopo, Danimarca e Norvegia stavano indagando sui rapporti di coaguli di sangue e un decesso dopo la vaccinazione. Il 15 marzo la Germania ha sospeso l'uso del vaccino, seguita rapidamente da diversi altri paesi.

L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) e l'Organizzazione mondiale della sanità affermano che i benefici del vaccino superano i rischi: l'EMA ha intrapreso un'analisi approfondita del problema e, pur riconoscendo un "possibile" collegamento a coaguli di sangue che dovrebbero essere elencati come " effetti collaterali molto rari ", il 7 aprile ha confermato che il" rischio-beneficio complessivo rimane positivo "per l'uso continuato del vaccino.  La causa dei coaguli è ancora sconosciuta, con la ricerca in corso.

Nel Regno Unito, che ha ordinato 100 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca, il 7 aprile il Comitato congiunto per la vaccinazione e l'immunizzazione (JCVI) ha informato che alle persone di età inferiore ai 30 anni dovrebbero essere offerti vaccini alternativi ove disponibili, anche se l'Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA), che ha condotto la revisione delle prove nel Regno Unito, ha sottolineato che "non raccomandava nuove restrizioni di età nell'uso del vaccino COVID-19 Vaccine AstraZeneca".

L'MHRA ha affermato che, fino al 31 marzo, erano stati segnalati 79 eventi di trombosi con piastrine basse da oltre 20 milioni di dosi del vaccino somministrato. Tra questi casi segnalati, 19 persone sono morte. Il rischio complessivo di questi coaguli di sangue è di circa quattro persone su ogni milione che ricevono il vaccino.

Al momento in cui scrivo, Australia, Belgio e Francia avevano limitato il vaccino a persone di età superiore ai 55 anni, mentre Italia e Spagna ne hanno limitato l'uso a più di 60 anni dopo l'annuncio dell'EMA. I paesi scandinavi avevano già sospeso le loro implementazioni del vaccino, mentre le province canadesi ne avevano sospeso l'uso sotto i 55 anni il 30 marzo. Anche diversi stati tedeschi hanno sospeso il suo utilizzo sotto i 60 anni.

Ines Hassan, ricercatrice politica senior presso il Global Health Governance Program presso l'Università di Edimburgo, vede un aspetto positivo nel modo in cui la questione viene indagata. Dice: "Il controllo da parte delle autorità di regolamentazione e degli esperti di farmacovigilanza mostra che il sistema e le procedure di monitoraggio della sicurezza funzionano come dovrebbero".

Ciò che non è utile è come è stato comunicato. Che si tratti di diversi regolatori, funzionari governativi, accademici o media, Hassan dice al BMJ : "È chiaro che la messaggistica mista di queste diverse parti interessate ha causato confusione tra il pubblico in generale e ha già portato a una maggiore esitazione sui vaccini in alcuni parti d'Europa tra le altre regioni. "

Martin McKee afferma che, sebbene l'MHRA e il JCVI abbiano ruoli diversi, è “estremamente deplorevole” che uno non consulti limiti di età mentre l'altro propone che alle persone sotto i 30 anni venga offerta un'alternativa. Le persone di età compresa tra i 30 ei 50 anni, ad esempio, si chiederanno perché la guida del Regno Unito, anche se contraddittoria, differisce da quella di altri paesi. Aggiunge: “Ho già criticato i messaggi sul vaccino AstraZeneca. Purtroppo, sembra che abbiamo imparato poco. "

Negli Stati Uniti

Aggiungendo sale alla ferita, AstraZeneca aveva affrontato contemporaneamente ma separatamente critiche negli Stati Uniti. In un comunicato stampa del 22 marzo, la società ha annunciato i risultati a lungo attesi di una sperimentazione chiave negli Stati Uniti, che sperava avrebbe finalmente ottenuto l'approvazione per l'uso di emergenza del vaccino da parte della Food and Drug Administration statunitense. La FDA è stata cauta nei confronti del vaccino AstraZeneca: non ha ancora rilasciato l'approvazione per il suo utilizzo negli Stati Uniti nonostante abbia approvato i vaccini di Pfizer, Moderna e Johnson e Johnson (Janssen) e quasi quattro mesi da quando il Regno Unito lo ha approvato.

Nell'annuncio di marzo AstraZeneca ha affermato che i risultati hanno mostrato un'efficacia del 79% nella prevenzione delle malattie sintomatiche. ore dopo, tuttavia, il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti ha compiuto il passo insolito di rilasciare una dichiarazione di mezzanotte affermando che il suo Data and Safety Monitoring Board aveva "espresso la preoccupazione che AstraZeneca potesse aver incluso informazioni obsolete da quella sperimentazione, che potrebbe fornito una visione incompleta dei dati di efficacia. "

AstraZeneca afferma che il punto limite concordato per i dati era il 17 febbraio, come pubblicizzato nella sua versione iniziale. In risposta al NIH, entro 48 ore ha aggiunto dati più recenti e ha rivisto l'efficacia fino al 76%. Il capo consigliere medico degli Stati Uniti, Anthony Fauci, ha definito questo un "errore non forzato" da parte di AstraZeneca. Parlando a Good Morning America , ha detto: "Non era necessario: se guardi i dati, i dati sono davvero abbastanza buoni, ma quando li hanno inseriti nel comunicato stampa non erano completamente accurati".

McKee afferma che è “completamente senza precedenti che un comitato di monitoraggio dei dati affermi che ciò che hai detto in un comunicato stampa non era accurato. È così semplice che non fornisci informazioni contraddittorie. Cosa diavolo stava succedendo lì che non hanno controllato? "

Tuttavia, Peter English, un consulente in pensione nel controllo delle malattie trasmissibili, ex editore della rivista Vaccines in Practice e presidente in passato immediato del Comitato per la salute pubblica della BMA, ha simpatia per l'azienda. "Sembra che sia stato un attacco all'azienda e non fondato sulla scienza", dice. “AstraZeneca aveva dichiarato in anticipo nel loro protocollo il periodo di tempo, quindi [loro] non potevano selezionare i dati. Se l'avessero fatto in un altro modo sarebbero stati giustamente criticati ".

Dice al BMJ : “È stato incredibilmente irresponsabile da parte del NIH [rilasciare quella dichiarazione], poiché implicava che stava succedendo qualcosa di terribile - cosa che abbiamo scoperto pochi giorni dopo non era il caso. Ha portato il vaccino in discredito sulla base di nulla. Ciò danneggia la fiducia in tutti i vaccini covid e nei vaccini in generale ".

Primi guai

Parte del problema potrebbe essere che AstraZeneca non è un produttore di vaccini tradizionale. McKee dice a The BMJ : "Un certo numero di commentatori hanno sollevato domande sull'esperienza del consiglio di amministrazione nel comunicare alcuni dei messaggi stimolanti sui vaccini".

L'Università di Oxford, che ha sviluppato il vaccino, inizialmente intendeva collaborare con la società statunitense Merck, ma il governo britannico, che aveva investito 65,5 milioni di sterline (75,7 milioni di euro; 90,1 milioni di dollari) nello sviluppo del vaccino, ha insistito per una società con sede nel Regno Unito. (Secondo quanto riferito, GlaxoSmithKline ha rifiutato una partnership, poiché aveva i suoi candidati in fase di sviluppo.)

Andrew Pollard, il capo scienziato del gruppo vaccino di Oxford, è stato lieto che la società anglo-svedese abbia accettato di intraprendere la produzione del farmaco a costo e volume, rendendolo "un vaccino per il mondo". Ma sembra che nessuna buona azione rimanga impunita e la curva di apprendimento di AstraZeneca è stata ripida.

Nel settembre 2020, gli studi clinici di fase III del vaccino covid-19 in Brasile, Sud Africa, Regno Unito e Stati Uniti sono stati temporaneamente sospesi a causa di sintomi neurologici inspiegabili in uno dei volontari. Dopo aver indagato sull'incidente, l'MHRA ha dato il via libera a riavviare i processi nel Regno Unito entro pochi giorni, ma la FDA ha mantenuto la sospensione degli Stati Uniti per sei settimane, apparentemente scontenta di non essere stata informata del problema abbastanza rapidamente. Questo sembra aver scatenato la cautela generale nell'approccio della FDA alla valutazione.

Poi, il 23 novembre, AstraZeneca è stata criticata per il modo in cui ha annunciato l'efficacia del vaccino. Aveva combinato i risultati di diversi studi e, secondo i critici, aveva perso i dettagli chiave. Piuttosto che fornire un'unica cifra per l'efficacia come altri produttori di vaccini - Pfizer e Moderna avevano annunciato solo una settimana prima un'efficacia superiore alle attese rispettivamente del 91% e del 95% - AstraZeneca ha annunciato un'efficacia complessiva del 62% e un'altra del 90% in persone che avevano inizialmente ricevuto mezza dose (questo è seguito a un errore di dosaggio in un braccio dello studio di fase III, che ha portato fortuitamente a risultati migliori). 9 Il numero più alto è stato successivamente reinterpretato come dovuto a un intervallo più lungo tra le dosi.

I resoconti dei media hanno criticato il modo in cui AstraZeneca aveva comunicato le informazioni sui suoi processi. "Ci sono state contraddizioni tra le dichiarazioni fornite agli investitori, i comunicati stampa e i documenti interni", afferma McKee. Un articolo scientifico non può essere inviato per la revisione tra pari se contiene informazioni sensibili al mercato tali che un revisore o un editore potrebbe potenzialmente sfruttare la posizione di mercato. Le pubblicazioni di prestampa possono subire ritardi, che rendono difficile il coordinamento con le comunicazioni di mercato. McKee afferma che questo potrebbe essere il motivo per cui AstraZeneca si è basata sui comunicati stampa: "ma, detto questo, dovrebbero essere coerenti [con le loro informazioni], e non lo sono sempre stati".

Tuttavia, il 30 dicembre 2020 il Regno Unito e l'Argentina sono stati i primi paesi al mondo ad approvare il tiro AstraZeneca. L'anno si è concluso con l'azienda che ha segnato il suo primo successo nel campo dei vaccini ma con lo splendore un po 'decollato. E c'era di più in arrivo.

Annus horribilis?

Il 25 gennaio 2021 il quotidiano tedesco Handelsblatt ha affermato che il vaccino aveva solo l'8% di efficacia negli over 65.  Il rapporto si è rivelato infondato, ma non prima di aver danneggiato la fiducia del pubblico nel vaccino in tutto il continente.

Pochi giorni dopo l'EMA ha approvato il vaccino AstraZeneca per tutte le fasce d'età nell'UE, ma quello stesso giorno il presidente francese, Emmanuel Macron, ha affermato che era "quasi inefficace" per gli over 65. Dopo i commenti di Macron, Germania e Francia hanno inizialmente impedito l'uso del farmaco negli over 65. La confusione su quali gruppi di età dovrebbero avere il vaccino ha contribuito, non sorprendentemente, a una mancanza di fiducia. Più della metà delle persone intervistate in Francia, Germania e Spagna ha ritenuto che lo scatto non fosse sicuro in un sondaggio YouGov pubblicato il 22 marzo.

Il tempismo non avrebbe potuto essere peggiore. È successo proprio quando AstraZeneca ha dovuto affrontare una crisi politica con l'UE per la mancanza di consegne di vaccini. L'azienda aveva accettato di fornire fino a 120 milioni di dosi nell'UE entro la fine di marzo 2021, ma i problemi di resa e altri problemi l'hanno spinta a dire all'UE che poteva fornire solo 30 milioni di dosi (successivamente aumentate a 40 milioni). L'UE, in preda a una crescente terza ondata di infezioni, non l'ha presa bene.

Sebbene anche altri vaccini abbiano avuto problemi di fornitura, AstraZeneca sembra essere diventata un calcio politico tra l'UE e il Regno Unito recentemente Brexit-ed. Il presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha minacciato di impedire ad AstraZeneca di esportare dosi di vaccino nel Regno Unito, e l'eurodeputato belga Philippe Lamberts ha accusato la compagnia di disonestà e arroganza, dicendo che aveva “promesso troppo e sotto-consegnato. " Al momento in cui scrivo, la controversia è in corso, insieme alla nuova questione dei coaguli di sangue.

Per coronare il tutto, AstraZeneca ha subito un altro colpo a febbraio quando il Sud Africa, alle prese con l'aumento delle infezioni e una nuova preoccupante variante del virus che rappresenta il 90% dei casi nel paese, ha interrotto il lancio del vaccino AstraZeneca dopo che uno studio ha dimostrato deludente risultati contro la variante 501. Con i paesi che ora guardano alle spalle le nuove varianti e l'efficacia dei vaccini esistenti contro di loro, la decisione è stata un'altra delusione per l'azienda.

Eroi caduti

Kate Bingham, ex capo della Vaccine Taskforce del Regno Unito, definisce AstraZeneca "eroi" per il modo in cui l'azienda ha raccolto il vaccino e ha elaborato come testarlo, fabbricarlo e distribuirlo a basso costo in tutto il mondo. Parlando al Financial Times , ha detto che la società è stata coinvolta nella geopolitica.

Ines Hassan sottolinea che AstraZeneca non ha mancato di soddisfare i requisiti normativi: ha presentato i dati necessari come previsto, anche quando ha recentemente presentato i risultati dell'analisi ad interim alla FDA. Tuttavia, la comunicazione sulla progettazione dello studio nelle prime fasi dello sviluppo e successivamente sul numero di pazienti con sintomi covid-19 dalla sua analisi primaria, avrebbe forse potuto essere gestita meglio, dice.

"Una grande lezione è che la trasparenza è essenziale, soprattutto con le autorità di regolamentazione e il pubblico in generale", afferma Hassan, pur riconoscendo che la comunicazione eccessiva senza causare inutili allarmi è un equilibrio difficile da raggiungere. Aggiunge che la responsabilità di comunicare i problemi di sicurezza non è solo del produttore: è responsabilità delle autorità di regolamentazione, dei responsabili politici, degli accademici della salute pubblica e dei media, tra gli altri.

Peter English si domanda perché l'unico vaccino venduto a prezzo di costo sia quello più diffamato. "La quantità di cattiva stampa che hanno non è basata sulla scienza", dice. “Sembra completamente sproporzionato o infondato. Sembra che molti di loro siano attacchi alla stessa AstraZeneca e sembrano avere un secondo fine. Sembra quasi che ci sia una deliberata campagna di disinformazione ".

Ma le conseguenze dei problemi di AstraZeneca vanno ben oltre la reputazione e i profitti di un'azienda. Il suo vaccino è una parte indispensabile del piano dell'OMS per distribuire due miliardi di dosi a 92 nazioni entro la fine del 2021, attraverso l'iniziativa Covax. L'ordine di 100 milioni di dosi nel Regno Unito pone AstraZeneca al centro del suo programma di vaccinazione.

E molti commentatori temono che la fiducia in rovina nel vaccino di AstraZeneca possa estendersi ad altri, poiché il mondo è già alle prese con l'esitazione del vaccino come ostacolo a una copertura più ampia e alla fine della pandemia. Come dice McKee, "Quando si perde la fiducia è davvero difficile riconquistarla".

L'incubo di sei mesi di AstraZeneca

2020

9 set Gli studi di Fase III vengono sospesi dopo un singolo evento di malattia inspiegabile

30 dicembre Argentina e Regno Unito approvano il vaccino AstraZeneca per uso di emergenza

2021

25 gennaio Il quotidiano tedesco Handelsblatt afferma che il vaccino ha solo l'8% di efficacia nelle persone anziane

29 gen L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) approva il vaccino AstraZeneca. Il presidente francese Macron afferma che è "quasi inefficace" negli over 65

9 feb Il Sudafrica interrompe il lancio del vaccino AstraZeneca dopo che lo studio mostra risultati deludenti contro la variante 501

7 marzo Le autorità austriache annunciano indagini su una morte potenzialmente correlata al vaccino

10 Mar Il comunicato stampa dell'EMA non suggerisce alcun problema specifico con il lotto utilizzato in Austria

15 marzo La Germania sospende l'uso del vaccino AstraZeneca, in attesa di indagini su tre decessi e altri quattro incidenti

18 mar L' EMA afferma che i benefici superano ancora i rischi

22 marzo AstraZeneca annuncia i risultati degli studi statunitensi che affermano un'efficacia del 79%

23 marzo Il Comitato per il monitoraggio dei dati e della sicurezza del National Institutes of Health degli Stati Uniti esprime preoccupazione per il fatto che AstraZeneca possa aver incluso informazioni obsolete tratte dallo studio. AstraZeneca pubblica nuovi dati e rivede la cifra al 76% il 25 marzo

30 marzo Il Canada sospende l'uso del vaccino AstraZeneca nei minori di 55 anni

31 marzo Gli stati tedeschi sospendono l'uso del vaccino AstraZeneca sotto i 60 anni

6 apr UK Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA) sospende una sperimentazione del vaccino in bambini e adolescenti in attesa di indagini sul collegamento del coagulo di sangue. Marco Cavaleri, responsabile EMA per i vaccini, racconta a un quotidiano italiano che “è chiaro che c'è un legame con il vaccino [e coaguli di sangue]. . . ma non sappiamo ancora cosa provochi questa reazione ". L'EMA prende le distanze dai commenti

7 aprile L' indagine dell'EMA conclude che "i coaguli di sangue insoliti con piastrine basse dovrebbero essere elencati come effetti collaterali molto rari" per il vaccino, ma che "i benefici complessivi del vaccino nella prevenzione del covid-19 superano i rischi degli effetti collaterali". MHRA consiglia che i vaccini alternativi dovrebbero essere offerti ai minori di 30 anni, se disponibili

8 aprile Australia, Belgio, Francia e Italia annunciano restrizioni sull'uso del vaccino

14 aprile La Danimarca blocca il vaccino

 

fonte: BMJ

Ultime News