Somministrato un miliardo di dosi di vaccini: ecco dove sono finite

Farmaci | Redazione DottNet | 03/05/2021 19:57

La distribuzione ha peggiorato le disuguaglianze in tutto il mondo

Il mondo ha raggiunto la pietra miliare della somministrazione di un miliardo di dosi di vaccini COVID-19, appena quattro mesi dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha approvato il primo vaccino per uso di emergenza e sono iniziati i roll-out in paesi come gli Stati Uniti e il Regno Unito. La velocità con cui sono state somministrate è notevole, ma una distribuzione ineguale delle vaccinazioni evidenzia le disparità globali, affermano i ricercatori. “È un risultato scientifico senza precedenti. Nessuno avrebbe potuto immaginare che, entro 16 mesi dall'identificazione di un nuovo virus, avremmo vaccinato un miliardo di persone in tutto il mondo con una varietà di vaccini diversi, utilizzando piattaforme diverse e prodotti in diversi paesi ", afferma Soumya Swaminathan, capo scienziato dell'OMS , con sede a Ginevra, Svizzera. Al 27 aprile, 1,06 miliardi di dosi erano state somministrate a 570 milioni di persone, il che significa che circa il 7,3% della popolazione mondiale di 7,79 miliardi ha ricevuto almeno una dose. Ma gli scienziati affermano che oltre il 75% della popolazione mondiale dovrà essere vaccinata per tenere sotto controllo la pandemia.

Evidenziando la disuguaglianza

La distribuzione non uniforme delle vaccinazioni, sia all'interno che tra le nazioni, minaccia di rallentare i progressi verso questo obiettivo. "È assolutamente incredibile che in breve tempo abbiamo sviluppato più vaccini e ottenuto un miliardo di dosi somministrate, ma il modo in cui è successo ha peggiorato le disuguaglianze in tutto il mondo", afferma Krishna Udayakumar, direttore associato per l'innovazione presso il Duke Global Health Institute di Durham, Carolina del Nord. Circa tre quarti di tutte le dosi sono andate a sole dieci nazioni. La Cina e gli Stati Uniti da soli rappresentano quasi la metà di tutte le dosi distribuite, ma solo il 2% è andato all'intero continente africano. Garantire l'equità globale dei vaccini è una questione di interesse personale per i paesi ad alto reddito nel battere la pandemia, afferma Peter Hotez, scienziato di vaccini presso il Baylor College of Medicine di Houston, in Texas. "Non puoi farlo con meno di una dozzina di paesi completamente vaccinati", dice. "In termini di salvataggio di vite umane e ripristino dell'economia globale, abbiamo bisogno che posti come il Myanmar e la Papua Nuova Guinea abbiano successo".

Risposta globale

Le disparità esistono anche all'interno delle nazioni, vedi ("Racing ahead"). Ad esempio, uno studio del Regno Unito ha rilevato che, su 1,1 milioni di persone di età superiore a 80 anni che sono state curate per condizioni di salute in cliniche e ospedali tra dicembre e gennaio, il 42,5% dei partecipanti bianchi era stato vaccinato, rispetto al solo 20,5% dei partecipanti neri. Lo stesso studio ha anche trovato prove di divisioni lungo linee socio-economiche. "Vaccinare solo porzioni della popolazione non è una strategia efficace e ci rende vulnerabili a nuove varianti", avverte Udayakumar. "Una pandemia globale può essere affrontata solo con una risposta globale". I produttori globali di vaccini stanno aumentando la produzione per soddisfare la domanda, ma questo potrebbe richiedere altri 6-12 mesi per raggiungere, afferma. Tuttavia, è probabile che raggiungiamo la soglia dei due miliardi molto più velocemente di quanto abbiamo raggiunto il primo miliardo, aggiunge Swaminathan.

 

fonte: Nature

 

Ultime News