Donanemab nell'Alzheimer precoce

Farmaci | Redazione DottNet | 06/05/2021 18:01

L'anticorpo prende di mira una forma modificata di Aβ depositato è allo studio per il trattamento dell'Alzheimer precoce

Un segno distintivo della malattia di Alzheimer è l'accumulo di peptide amiloide-β (Aβ). Donanemab, un anticorpo che prende di mira una forma modificata di Aβ depositato, è allo studio per il trattamento della malattia di Alzheimer precoce.

METODI

Abbiamo condotto uno studio di fase 2 su donanemab in pazienti con malattia di Alzheimer sintomatica precoce che presentavano deposizione di tau e amiloide alla tomografia a emissione di positroni (PET). I pazienti sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1: 1 a ricevere donanemab (700 mg per le prime tre dosi e 1400 mg in seguito) o placebo per via endovenosa ogni 4 settimane per un massimo di 72 settimane. L'outcome primario era la variazione rispetto al basale nel punteggio della scala di valutazione della malattia di Alzheimer integrata (iADRS; intervallo da 0 a 144, con punteggi inferiori che indicavano un maggiore deterioramento cognitivo e funzionale) a 76 settimane. Gli esiti secondari includevano la variazione dei punteggi sulla Clinical Dementia Rating Scale – Sum of Boxes (CDR-SB), la sottoscala cognitiva a 13 item dell'Alzheimer's Disease Assessment Scale (ADAS-Cog 13), l'Alzheimer's Disease Cooperative Study-Instrumental Activities of Daily Living Inventory (ADCS-iADL) e il Mini-Mental State Examination (MMSE), nonché il cambiamento del carico di amiloide e tau sulla PET.

RISULTATI

Sono stati arruolati un totale di 257 pazienti; 131 sono stati assegnati a ricevere donanemab e 126 a ricevere placebo. Il punteggio iADRS basale era 106 in entrambi i gruppi. La variazione rispetto al basale del punteggio iADRS a 76 settimane è stata di -6,86 con donanemab e -10,06 con placebo (differenza, 3,20; intervallo di confidenza al 95%, da 0,12 a 6,27; P = 0,04). I risultati per la maggior parte degli esiti secondari non hanno mostrato differenze sostanziali. A 76 settimane, le riduzioni del livello della placca amiloide e del carico globale di tau sono state rispettivamente di 85,06 centiloidi e 0,01 maggiori con donanemab rispetto al placebo. Con donanemab si sono verificati edema cerebrale correlato all'amiloide o versamenti (per lo più asintomatici).

CONCLUSIONI

Nei pazienti con malattia di Alzheimer in fase iniziale, donanemab ha prodotto un punteggio composito migliore per la cognizione e per la capacità di svolgere le attività della vita quotidiana rispetto al placebo a 76 settimane, sebbene i risultati per gli esiti secondari fossero misti. Sono necessari studi più lunghi e più ampi per studiare l'efficacia e la sicurezza di donanemab nella malattia di Alzheimer.

 

fonte: the new england journal of medicine

Ultime News