Canali Minisiti ECM

Donanemab nell'Alzheimer precoce

Farmaci Redazione DottNet | 06/05/2021 18:01

L'anticorpo prende di mira una forma modificata di Aβ depositato è allo studio per il trattamento dell'Alzheimer precoce

Un segno distintivo della malattia di Alzheimer è l'accumulo di peptide amiloide-β (Aβ). Donanemab, un anticorpo che prende di mira una forma modificata di Aβ depositato, è allo studio per il trattamento della malattia di Alzheimer precoce.

METODI

pubblicità

Abbiamo condotto uno studio di fase 2 su donanemab in pazienti con malattia di Alzheimer sintomatica precoce che presentavano deposizione di tau e amiloide alla tomografia a emissione di positroni (PET). I pazienti sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1: 1 a ricevere donanemab (700 mg per le prime tre dosi e 1400 mg in seguito) o placebo per via endovenosa ogni 4 settimane per un massimo di 72 settimane. L'outcome primario era la variazione rispetto al basale nel punteggio della scala di valutazione della malattia di Alzheimer integrata (iADRS; intervallo da 0 a 144, con punteggi inferiori che indicavano un maggiore deterioramento cognitivo e funzionale) a 76 settimane. Gli esiti secondari includevano la variazione dei punteggi sulla Clinical Dementia Rating Scale – Sum of Boxes (CDR-SB), la sottoscala cognitiva a 13 item dell'Alzheimer's Disease Assessment Scale (ADAS-Cog 13), l'Alzheimer's Disease Cooperative Study-Instrumental Activities of Daily Living Inventory (ADCS-iADL) e il Mini-Mental State Examination (MMSE), nonché il cambiamento del carico di amiloide e tau sulla PET.

RISULTATI

Sono stati arruolati un totale di 257 pazienti; 131 sono stati assegnati a ricevere donanemab e 126 a ricevere placebo. Il punteggio iADRS basale era 106 in entrambi i gruppi. La variazione rispetto al basale del punteggio iADRS a 76 settimane è stata di -6,86 con donanemab e -10,06 con placebo (differenza, 3,20; intervallo di confidenza al 95%, da 0,12 a 6,27; P = 0,04). I risultati per la maggior parte degli esiti secondari non hanno mostrato differenze sostanziali. A 76 settimane, le riduzioni del livello della placca amiloide e del carico globale di tau sono state rispettivamente di 85,06 centiloidi e 0,01 maggiori con donanemab rispetto al placebo. Con donanemab si sono verificati edema cerebrale correlato all'amiloide o versamenti (per lo più asintomatici).

CONCLUSIONI

Nei pazienti con malattia di Alzheimer in fase iniziale, donanemab ha prodotto un punteggio composito migliore per la cognizione e per la capacità di svolgere le attività della vita quotidiana rispetto al placebo a 76 settimane, sebbene i risultati per gli esiti secondari fossero misti. Sono necessari studi più lunghi e più ampi per studiare l'efficacia e la sicurezza di donanemab nella malattia di Alzheimer.

fonte: the new england journal of medicine

Commenti

I Correlati

Chirurgia mini-invasiva e robotica le armi contro la stenosi del canale lombare

L’esposizione agli inquinanti dell’aria, alle polveri sottili e in particolare al PM 2,5, provoca alterazioni delle loro connessioni cerebrali con conseguenti disturbi dell’attenzione e problemi mentali

Quasi 2 anni in più liberi dalla progressione della malattia

L'indagine ha sottolineato la mancanza di analgesici e antidolorifici (nel 15% dei casi), antibiotici e antivirali (7%), ma anche medicinali per disturbi muscolo-scheletrici per i problemi a carico del sistema immunitario e cardiovascolare

Ti potrebbero interessare

Quasi 2 anni in più liberi dalla progressione della malattia

L'indagine ha sottolineato la mancanza di analgesici e antidolorifici (nel 15% dei casi), antibiotici e antivirali (7%), ma anche medicinali per disturbi muscolo-scheletrici per i problemi a carico del sistema immunitario e cardiovascolare

Lo rileva uno studio coordinato dalla Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Network Open

Pubblicato in Gazzetta il decreto del ministro della Salute

Ultime News

Uno dei primi casi documentati al mondo di intervento all'aorta ascendente e alla valvola aortica senza 'aprire' chirurgicamente il torace del paziente

Chirurgia mini-invasiva e robotica le armi contro la stenosi del canale lombare

L’esposizione agli inquinanti dell’aria, alle polveri sottili e in particolare al PM 2,5, provoca alterazioni delle loro connessioni cerebrali con conseguenti disturbi dell’attenzione e problemi mentali

Sono state segnalate neoplasie secondarie maligne originate da cellule T, incluse neoplasie maligne positive al recettore dell’antigene chimerico (CAR)