Col vaccino Covid rischio miocardite per i più giovani: dati israeliani

Infettivologia | Redazione DottNet | 03/06/2021 21:34

La maggior parte dei casi è stata lieve e si è risolta in poche settimane

Mentre in gran parte dei Paesi occidentali i giovani si apprestano alla vaccinazione, il siero realizzato da Pfizer e BioNTech sembra mettere i ragazzi a rischio elevato di sviluppare un'infiammazione del muscolo cardiaco, la miocardite, affermano i ricercatori in Israele. In un rapporto presentato ieri al Ministero della Salute israeliano, concludono che tra uno su 3000 e uno su 6000 uomini di età compresa tra 16 e 24 anni che hanno ricevuto il vaccino hanno sviluppato la rara condizione. Ma la maggior parte dei casi è stata lieve e si è risolta in poche settimane, il che è tipico della miocardite. "Non riesco a immaginare che sarà qualcosa che possa indurre i medici a dire che non dovremmo vaccinare i bambini", afferma Douglas Diekema, pediatra e bioeticista del Seattle Children's Hospital.

I funzionari sanitari israeliani hanno segnalato per la prima volta il problema ad aprile, quando hanno segnalato più di 60 casi, per lo più in giovani uomini che avevano ricevuto la seconda dose di vaccino pochi giorni prima. Nello stesso periodo, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha iniziato a monitorare 14 casi di questo tipo. A metà maggio, anche i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno affermato che stavano esaminando i casi di miocardite. I funzionari dell'Agenzia europea per i medicinali hanno dichiarato il 28 maggio di aver ricevuto 107 segnalazioni di miocardite a seguito del vaccino Pfizer-BioNTech, ovvero circa una su 175.000 dosi somministrate. Ma relativamente poche persone sotto i 30 anni sono state vaccinate in Europa.

I risultati del panel israeliano arrivano mentre Israele e molti paesi europei stanno discutendo se gli adolescenti più giovani debbano essere vaccinati contro il COVID-19. Israele ha vaccinato gli adolescenti dai 16 anni in su dalla fine di gennaio e il Ministero della Salute dovrebbe annunciare domani se le vaccinazioni saranno aperte ai bambini dai 12 anni in su. Altri paesi, tra cui Stati Uniti e Canada, hanno iniziato a vaccinare i bambini dai 12 anni in su a metà maggio.

"Dal punto di vista di un genitore, questo si riduce davvero alla percezione del rischio, alla valutazione dei dati", afferma Diekema, che ha studiato i compromessi rischio-beneficio. Anche se regge un legame tra miocardite e vaccino, la condizione è solitamente lieve, richiedendo un trattamento solo con farmaci antinfiammatori, mentre l'infezione da COVID-19 può anche causare malattie gravi ed effetti collaterali a lungo termine, anche nei giovani. Poiché sono trapelati sospetti su una possibile connessione, "Non conosco molti medici che stanno cambiando idea sulla vaccinazione dei loro figli", afferma Diekema.

In Israele, che ha fatto affidamento quasi esclusivamente sul vaccino Pfizer-BioNTech nella sua campagna di vaccinazione precoce e rapida, il Ministero della Salute a gennaio ha riunito un gruppo guidato da Dror Mevorach, capo della medicina interna presso l'Hadassah University Medical Center, per indagare sulla questione . Mevorach dice a Science che lui e i suoi colleghi hanno identificato 110 casi di miocardite tra 5 milioni di persone in Israele che avevano ricevuto due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech nel mese prima della loro diagnosi. Ciò si traduce in circa uno su 50.000 destinatari del vaccino, un numero che non preoccupa dato il tasso di fondo di miocardite nella popolazione generale, dove è tipicamente innescato da infezioni virali o batteriche, incluso COVID-19.

Ma il tasso di miocardite dopo la vaccinazione tra i giovani era più alto. Il novanta per cento dei casi rilevati in Israele è apparso negli uomini e, sebbene la miocardite sia normalmente più comune tra i giovani, il tasso tra i vaccinati era compreso tra cinque e 25 volte il tasso di fondo, afferma il rapporto. (Due casi di miocardite fatale sono stati segnalati anche in Israele, ma il panel afferma che le indagini su tali decessi sono state inconcludenti; un paziente potrebbe aver avuto una sindrome infiammatoria più generalizzata e l'altra diagnosi "non è stata verificata", afferma il rapporto.)

La nuova analisi "è molto suggestiva di una natura causale", tra il vaccino e la miocardite, dice Mevorach. "Sono convinto che ci sia una relazione".

"Suggerisce che questo è, almeno statisticamente, un fenomeno reale", afferma Peter Liu, cardiologo e direttore scientifico dell'Università di Ottawa Heart Institute. Diekema afferma che è importante indagare "anche un accenno di segnale", ma avverte che "sebbene questo rapporto sia suggestivo... richiede la convalida in altre popolazioni da parte di altri investigatori prima di poter essere certi che il collegamento esista". Altri fattori potrebbero essere in gioco, dice Diekema. Ora che i bambini sono tornati a socializzare e a praticare sport, il pronto soccorso del suo ospedale sta "osservando più malattie virali di quante ne abbiamo viste in un anno" e, di conseguenza, "mi aspetterei di vedere un piccolo aumento della miocardite rispetto a un anno fa." Idealmente, gli scienziati dovrebbero confrontare contemporaneamente coorti di giovani vaccinati e non vaccinati, afferma Diekema,

Casi di miocardite a seguito del vaccino Moderna, che non è in uso in Israele, sono oggetto di indagine anche negli Stati Uniti. Non è chiaro il motivo per cui i due vaccini, che si basano entrambi sull'RNA messaggero (mRNA), potrebbero aumentare il rischio. Una possibilità è che i livelli di anticorpi molto elevati che entrambi generano nei giovani possano anche, in rari casi, portare a una sorta di reazione immunitaria eccessiva che infiamma il cuore. "Non c'è dubbio che questi [vaccini] siano estremamente immuno-generatori", afferma Liu. Mevorach dice di sospettare che l'mRNA stesso possa avere un ruolo. Il sistema immunitario innato riconosce l'RNA come parte della difesa del corpo contro i microbi, compresi i virus a RNA come SARS-CoV-2, osserva. "Penso che in realtà l'mRNA sia una sorta di adiuvante naturale", che aumenta la risposta immunitaria, dice.

Diekema afferma che la comunità medica è ora in allerta per i giovani con dolore toracico e altri sintomi subito dopo la vaccinazione, consentendo loro di essere rapidamente identificati, trattati e segnalati ai dipartimenti sanitari. Mevorach concorda sul fatto che la consapevolezza tra i vaccinati, i loro genitori ei loro medici è importante per un trattamento tempestivo ed efficace. Dice che lui ei suoi colleghi hanno trattato circa 40 casi. Solo pochi avevano bisogno di corticosteroidi, ha detto, e la maggior parte si è completamente ripresa.

Una domanda importante è se ritardare la seconda dose di vaccino potrebbe ridurre qualsiasi rischio potenziale. Potrebbe esserci un'opportunità per scoprirlo: diversi paesi hanno allungato l'intervallo tra le due dosi dalle 3 settimane testate e raccomandate da Pfizer a 12 o addirittura 16 settimane, perché vogliono dare a quante più persone possibile almeno un'iniezione. Un calo dei casi di miocardite tra coloro la cui seconda dose è stata ritardata potrebbe apparire nei dati nei prossimi mesi. Anche la riduzione della dose nei giovani potrebbe valere la pena, afferma Liu. I vaccini di Pfizer e Moderna sono ora in fase di sperimentazione a dosi più basse nei bambini sotto i 12 anni, con risultati attesi nei prossimi mesi.

Anche se il legame tra i colpi e la miocardite si rafforza, Liu afferma che il beneficio del vaccino, essendo ben protetto da COVID-19, supera i rischi, anche per i giovani, che sono generalmente a minor rischio di malattie gravi. Ma Mevorach afferma che i compromessi potrebbero essere diversi in Israele, dato il numero estremamente basso di infezioni da SARS-CoV-2: ieri sono stati diagnosticati solo 15 nuovi casi. Spera che il Ministero della Salute lasci la decisione se vaccinare gli adolescenti più giovani ai loro genitori e medici. "Al momento, non abbiamo più un'emergenza", dice.

 

fonte: Science

 

Ultime News