Regno Unito, vaccino Pfizer ai bambini vulnerabili tra 12 e 15 anni

Farmaci | Redazione DottNet | 21/07/2021 16:42

Il vaccino Pfizer è l'unico vaccino contro il covid-19 autorizzato per i bambini (di età pari o superiore a 12 anni) nel Regno Unito

Ai bambini di età compresa tra 12 e 15 anni che sono a maggior rischio di malattie gravi dovute all'infezione da SARS-CoV-2 verrà offerto il vaccino Pfizer-BioNTech, ha annunciato il Comitato congiunto del Regno Unito per la vaccinazione e l'immunizzazione (JCVI). Ciò includerà i bambini con neurodisabilità gravi e quelli con condizioni sottostanti che provocano l'immunosoppressione. Il comitato ha anche raccomandato che venga offerto il vaccino anche ai bambini di età compresa tra 12 e 17 anni che vivono con una persona immunodepressa. Ciò si aggiunge alla raccomandazione esistente secondo cui ai giovani a rischio di età compresa tra 16 e 17 anni dovrebbe essere offerto il vaccino. Il vaccino non viene raccomandato ai bambini al di fuori di questi gruppi, poiché il comitato ha concluso che "i benefici per la salute in questa popolazione sono piccoli e i benefici per la popolazione più ampia sono altamente incerti". Il vaccino Pfizer è l'unico vaccino contro il covid-19 autorizzato per i bambini (di età pari o superiore a 12 anni) nel Regno Unito. Dopo la somministrazione dei vaccini Pfizer e Moderna a milioni di giovani adulti sono emerse segnalazioni estremamente rare di miocardite e pericardite.

Gli esclusi

Penelope Toff, co-presidente del comitato per la medicina della salute pubblica della BMA, ha espresso preoccupazione per il fatto che gli adolescenti che vivono in famiglie e comunità multigenerazionali, in particolare nelle aree più svantaggiate, siano stati esclusi da questo elenco di bambini idonei. Ha detto che era "vitale" che fossero considerati. Lawrence Young, virologo e professore di oncologia molecolare alla Warwick Medical School, ha affermato che la decisione di non offrire il vaccino a tutti i bambini di età pari o superiore a 12 anni era "preoccupante", soprattutto perché l'Inghilterra ora "fa affidamento sulla vaccinazione e sulla responsabilità personale, al contrario alle restrizioni obbligatorie”. Le restrizioni al Covid-19 in Inghilterra sono state allentate il 19 luglio nonostante i nuovi casi salgano a 50.000 al giorno e gli esperti avvertano che circa mezzo milione di persone potrebbero sviluppare covid a lungo durante questa ondata di infezioni. Young ha evidenziato altri paesi, inclusi molti nell'UE, oltre a Singapore, Giappone, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti, Canada e Filippine, dove a tutti i bambini di età pari o superiore a 12 anni doveva essere offerto il vaccino.

Penny Ward, visiting professor in medicina farmaceutica al King's College di Londra, ha espresso meraviglia sull'elenco delle condizioni considerate per mettere i bambini a rischio di malattie gravi, poiché molte delle condizioni elencate per i 16-18 anni non sono state incluse nell'età Elenco 12-15  "Non viene fornita alcuna spiegazione chiara per questo - ha affermato -, e di conseguenza si potrebbero immaginare lunghe discussioni negli interventi di medicina generale tra i genitori di bambini con diabete fragile e malattia renale e il loro consulente medico di base. Forse JCVI potrebbe prendere in considerazione un documento più completo, preferibilmente completamente referenziato, per l'uso da parte delle persone che si occupano della cura del paziente.

Gravidanza

Quando è stato chiesto a un briefing del Science Media Center sulla vaccinazione di minori di 16 anni in gravidanza, Adam Finn, membro della JCVI e professore di pediatria presso l'Università di Bristol, ha affermato che si trattava di una decisione difficile, ma che il vaccino non era stato raccomandato per questo gruppo. Ha detto: "Ora stiamo ricevendo una quantità crescente di informazioni che indicano che le donne in gravidanza non sono solo a rischio in modo simile, ma in realtà probabilmente un rischio maggiore rispetto ad altre donne della stessa età. Ma l'equilibrio tra rischio e beneficio diventa piuttosto difficile quando si arriva alle gravidanze adolescenziali, perché i rischi di malattie gravi negli adolescenti si riducono progressivamente man mano che diventano più giovani. “Quindi, al momento, le donne incinte sotto i 16 anni non sono elencate nelle nostre raccomandazioni. Ma ovviamente, quelle prove saranno tenute sotto stretta osservazione".

covid lungo

Rispondendo alle preoccupazioni sul covid lungo nei bambini, Finn ha affermato che le prove attuali suggeriscono che "la probabilità di sintomi di lunga durata nei bambini che hanno avuto l'infezione oltre uno o due mesi è estremamente bassa". Tuttavia, altri leader sanitari, tra cui l'ex direttore generale dell'amministrazione per la promozione della salute di Taiwan, Shu-Ti Chiou, hanno evidenziato studi sui bambini che hanno riportato livelli sorprendentemente alti di covid da lungo tempo. Uno studio su 129 bambini infetti dal virus ha rilevato che mentre solo sei sono stati ricoverati in ospedale, la metà dei bambini ha ancora riportato almeno un sintomo covid-19 sei mesi dopo l'infezione.

 

fonte: BMJ

Ultime News