Canali Minisiti ECM

Evoluzione dei tumori, Istituto Candiolo coordina due ricerche

Oncologia Redazione DottNet | 14/05/2024 15:09

Uno studio sul cancro alla prostata, l'altro sui dna circolari

L'Istituto per la Ricerca e la cura del cancro di Candiolo (Torino) ha collaborato, diventandone poi coordinatore, a due ricerche recentemente pubblicate su Nature communications, condotte dal Science for life laboratory presso il Karolinska institutet di Stoccolma, che aprono nuove strade per comprendere l'evoluzione dei tumori.    Il primo studio, condotto su tumori alla prostata, ha rivelato alterazioni genomiche nei pazienti con carcinoma prostatico localizzato, grazie a un avanzato metodo di sequenziamento del Dna a singola cellula. Questo permette diagnosi precise e terapie personalizzate.    La seconda ricerca, focalizzata sui Dna circolari extracromosomici, ha identificato il loro ruolo nella formazione dei tumori, aggiungendo nuove conoscenze alla comprensione della loro genesi.    La Single cell unit dell'Istituto di Candiolo, guidata dal professor Nicola Crosetto, e il laboratorio di patologia molecolare dell'Istituto, diretto dalla professoressa Caterina Marchiò con il supporto della dottoressa Bellomo e del dottor Berrino hanno avuto un ruolo fondamentale nelle ricerche.  "È importante sottolineare che le metodologie sviluppate - dichiara Crosetto, coordinatore del team che ha condotto le ricerche - sono state implementate, e saranno presto disponibili come servizio anche per altri progetti di ricerca, nel laboratorio di Single cell unit dell'Istituto di Candiolo-Irccs, dove sono stati fatti negli ultimi anni importanti investimenti, e questo apre un mondo di possibilità per ulteriori studi e ricerche mirate, portandoci un passo più vicini alla comprensione e alla sconfitta del cancro".

pubblicità


Commenti

I Correlati

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

In occasione della Giornata Nazionale contro le leucemie AIL presenta cinque progetti di Ricerca Indipendente finanziati a SIE, SIES, GITMO, FIL e AIEOP

Fagioli (Ospedale Regina Margherita di Torino): “Oggi l’80% dei pazienti guarisce, ma necessaria attenzione agli adolescenti, che arrivano tardi alla diagnosi”

Primo in Italia e in Europa l’Istituto dei tumori di Napoli dà il via al progetto HVAS, innovativa iniziativa per diminuire i disagi ai pazienti portatori di picc, quel catetere che serve per iniettare nelle vene i medicinali delle chemio

Ti potrebbero interessare

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

Presentato presso la Camera dei deputati un innovativo modello, sviluppato da C.R.E.A. Sanità con il contributo di Roche Italia, che valuta i costi-benefici e la sostenibilità dello screening polmonare nel nostro Paese

La Generazione X potrebbe registrare un aumento pro-capite dell'incidenza dei principali tipi di cancro maggiore rispetto a qualsiasi altro gruppo nato tra il 1908 e il 1964

Revisione su 42.500 pazienti: "In 7 di questi rilevata presenza costrutto Car, persone trattate vanno monitorate a vita"

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie