Professione
Professione
Canali Minisiti ECM

Mario Balzanelli confermato alla presidenza del Sis 118

Professione Redazione DottNet | 22/05/2024 18:13

La richiesta del nuovo vertice: "potenziare i servizi"

Mario Balzanelli è stato rieletto per il biennio 2024-2026 nella carica di presidente nazionale SIS 118. Fra i pilastri su cui si articoleranno il mandato presidenziale e i lavori del Comitato di Presidenza e del Consiglio Direttivo Nazionale della SIS118 saranno: il potenziamento del Sistema di Emergenza Territoriale 118 attraverso una riforma legislativa ed un coerente stanziamento di risorse che valorizzino in concreto la sua importanza di insostituibile e determinante scudo "salvavita" tempo dipendente della popolazione nazionale in caso di imminente pericolo di perdere la vita, e al contempo che riconosca e tuteli la dignità ed il valore di tutti i suoi operatori, medici, infermieri ed autisti - soccorritori; la promozione, ed il conseguente recupero vocazionale, dei medici di emergenza territoriale, ormai in fuga massiva dal Sistema in pressoché tutte le regioni; l'integrazione e l'ottimizzazione funzionale dei percorsi operativi e gestionali, sia con la medicina delle Cure Primarie, da una parte, sia con l'"area critica" ospedaliera, dall'altra; l'implementazione tecnologica delle Centrali Operative con i sistemi di geolocalizzazione satellitare, e di interpretariato automatico "real time" in caso di chiamate da utente straniero, restituendo ai cittadini la possibilità di accedere direttamente al servizio di emergenza sanitaria, senza perdite di tempo, potenzialmente catastrofiche nei casi piu gravi, correlate al "doppio passaggio" delle telefonate imposto (in difformità rispetto a quanto consentito dalle vigenti normative europee) dall'attuale modello di funzionamento del 112; l'innovazione tecnologica delle Centrali Operative 118 e dei mezzi di soccorso con la dotazione degli strumenti piu moderni di telemedicina che vedano immediatamente "connessi" gli scenari piu critici con tutte le realta coinvolte nel percorso gestionale del paziente acuto e critico, dalle Centrali Operative stesse alle unità operative ultraspecialistiche di area critica.

pubblicità

  Il Sis118 chiede anche la riattivazione o, laddove in attività, il potenziamento dei Punti di Primo Intervento Territoriali, quali efficaci strumenti di "filtro" delle acuzie minori sul territorio, in grado di decongestionare significativamente i Pronto Soccorso ospedalieri; l'aumento dei mezzi di soccorso nei vari territori regionali, perché il loro numero complessivo venga calcolato sulla base dei tempi di percorrenza previsti per area urbana ed extraurbana; la formazione e l'addestramento continuo e di eccellenza del personale, anche in collaborazione con le Università; l'istituzione del profilo professionale dell'autista-soccorritore.   Tra i primi atti di Balzanelli del suo quarto mandato la richiesta al Governo "di prendere in seria considerazione il Sistema di Emergenza Territoriale 118".   "L'era crepuscolare della grande amnesia istituzionale che subentra, inesorabile, ogni qualvolta la programmazione sanitaria nazionale dovrebbe attivarsi in favore del Sistema di Emergenza Territoriale 118 - sottolinea Balzanelli - finisca quanto prima".
  

Commenti

I Correlati

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

Fra i concetti chiave la necessità di integrazione del dato della misurazione parametrica della glicemia con il profilo clinico e la storia clinico-terapeutica di ogni singolo paziente

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

Ti potrebbero interessare

"Onorata della conferma dal ministro, dovrò rinunciare all’Ordine dei Medici"

La Federazione nazionale degli Ordini TSRM e PSTRP esprime il proprio apprezzamento per l'attenzione riservata dal Ministero dell’università e della ricerca nei confronti delle professioni sanitarie ad essa afferenti

Indispensabile per le aziende una strategia per arginare il fenomeno

L’Università degli studi di Palermo, l’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli e l’Università degli studi di Napoli Federico II sono tra gli atenei dove si è registrato il punteggio medio più alto. In coda alla classifica la Sardegna