Canali Minisiti ECM

Efficace una molecola contro l'apnea ostruttiva del sonno

Farmaci Redazione DottNet | 24/06/2024 21:05

Eli Lilly, esito positivo di due studi clinici

Una riduzione media fino al 62,8% dell'indice di apnea-ipopnea (Ahi), ovvero circa 30 eventi in meno di riduzione o interruzione del flusso d'aria di una persona per ora di sonno, rispetto al placebo. Questo il risultato degli studi clinici di fase 3 Surmount-Osa sulla tirzepatide iniettabile (10 mg o 15 mg) per il trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno (Osa) da moderata a grave negli adulti con obesità, con e senza terapia con ventilazione a pressione positiva delle vie aeree (Pap). A rendere noti i risultati dei due studi fatti Eli Lilly. In entrambi gli studi i partecipanti trattati con tirzepatide hanno sperimentato miglioramenti significativi rispetto al placebo in tutti i principali endpoint secondari, tra cui la pressione arteriosa sistolica, il carico ipossico e la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hsCrp), un marcatore di infiammazione.   I risultati completi sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine (Nejm) e presentati all'84esima sessione scientifica dell'American Diabetes Association© (Ada).   Come fa notare Eli Lilly, l'Osa è una malattia complessa che può avere impatto sulla progressione di gravi complicanze cardiometaboliche, tra cui ipertensione, malattia coronarica, ictus, insufficienza cardiaca, fibrillazione atriale e diabete di tipo 2.

pubblicità

    "Negli studi, i pazienti con apnea ostruttiva del sonno e obesità trattati con tirzepatide hanno mostrato circa 30 eventi in meno ogni ora di sonno e quasi la metà ha raggiunto la risoluzione della malattia", ha detto Atul Malhotra, presidente della Peter C. Farrell, professore di medicina presso la University of California San Diego School of Medicine e direttore di medicina del sonno presso Uc San Diego Health.    "L'Osa può avere ricadute dirompenti nella vita quotidiana e influisce sulla salute a lungo termine di una persona, se non trattata, perché può portare a gravi complicazioni cardiometaboliche", ha sottolineato.    "Questi dati supportano l'efficacia di tirzepatide negli adulti che vivono con Osa da moderata a grave e obesità e hanno il potenziale per aggiungersi alla nostra cassetta degli attrezzi per il trattamento dell'Osa".
  

Commenti

I Correlati

Consegnati nel complesso dell’Università Federico II i diplomi agli studenti della prima edizione dell’Academy italiana del Pharma finanziata con oltre 2 milioni di euro dal Centro Nazionale di Ricerca

In aereo meglio portare i farmaci salvavita nel bagaglio a mano insieme alle prescrizioni

Lo studio IVI approfondisce la tecnica ASCOT per il ringiovamento ovarico, con una versione in 4 fasi che costituisce il trampolino per progettare trattamenti più efficaci e personalizzati per le pazienti con riserve ovariche compromesse

Di nuovo disponibile entro giugno 2025. Consigliate terapie alternative

Ti potrebbero interessare

Lo rileva uno studio coordinato dalla Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Network Open

Pubblicato in Gazzetta il decreto del ministro della Salute

"Sulle carenze serve bilanciare anche con gli equivalenti che sono sottoutilizzati in Italia"

Sono quattro i Paesi nel continente europeo in cui il trattamento è ora disponibile

Ultime News

L'acqua del rubinetto è sicura, i parametri rispettati al 99%

Messo a punto dall'Unità di Bioemergenze diretto da Gismondo

L’Inps con la Circolare n. 69 del 29 maggio 2024, ha fornito tutte le indicazioni per l’applicazione del nuovo istituto del riscatto di periodi non coperti da contribuzione, reintrodotto nell’ordinamento dalla Legge 30 dicembre 2023, n. 213

Andreoni: “Siamo di fronte a un picco estivo dei casi Covid che certamente era inatteso perché di fatto avevamo visto un progressivo scemare dei contagi. Ma proprio la nuova sottovariante, la KP.3, sta determinando questo rialzo"