Professione
Professione
Canali Minisiti ECM

Bassi stipendi e carriere ferme: i medici italiani scappano all'estero

Professione Redazione DottNet | 29/08/2021 17:59

In Germania si guadagnano circa 42mila euro, in Francia 39mila, in Spagna a 34.300, in Gran Bretagna si sfiorano i 38.900 euro l'anno

Medici sempre più attirati dall'estero. E il motivo è ben chiaro: mentre in Italia gli stipendi restano bassi con contratti a termine e limitate prospettive di crescita professionale, oltre confime la musica è ben diversa. Un medico nel nostro Pese guadagno in media circa 32.600 euro (lordi), in Germania è più alto di 10mila euro, in Francia è di 38.900, in Spagna a 34.300 euro, In Gran Bretagna si sfiorano i 38.900. E le assunzioni nella maggioranza dei casi sono a tempo indeterminato e non di contatti da rinnovare ogni 6 mesi. Il sistema sanitario italiano è vero, funziona bene (ancora) grazie anche all'elevata professionalità del personale e all'alto tasso di efficienza perché ottimizza sui costi investendo poco sul capitale umano.

Tuttavia un buon sistema sanitario dev'essere anche efficace, cioò deve dare risposte valide alle emergenze con risorse e mezzi idonei. Cosa che non è accaduta con la pandemia, quando le terapie intensive all'improvviso non bastavano più e il personale era ridotto a causa delle mancate assunzioni. Oltre, come detto, all'esodo verso altri paesi: infatti incrociando vari dati (Corte dei Conti, Ocse, ordini dei medici) si scopre ad esempio che nell’ultimo decennio l’Italia ha perso circa 10mila medici o che la metà dei medici stranieri che lavorano in Europa sono italiani. Germania, Francia e Gran Bretagna le mete più gettonate. Un danno che costa alle nostre casse circa 250 milioni di euro l’anno, a tanto ammonta l'onere per la formazione dei professionisti.  

pubblicità

 Secondo uno studio del Sindacato dei medici ANAAO nel 2019, dai dati del Conto Annuale del Ministero della Economia e Finanze, il 2,9% dei medici ospedalieri ha deciso di dare le dimissioni: licenziandosi e/o andando in pensione prima del tempo. Secondo questo studio oltre 3000 medici hanno visto un’alternativa migliore nel privato o nel lavoro sul territorio. Alternativa migliore dal punto di vista economico, forse, ma certamente anche di qualità di vita con meno pressione lavorativa e psicologica, meno attacchi personali, meno rischi di aggressioni alla propria incolumità fisica. Questo fenomeno è completamente nuovo in Italia e se lo associamo alla costante emorragia di giovani e giovanissimi laureati che neanche provano ad entrare ne mercato del lavoro SSN decidendo invece di emigrare in Paesi UE ed extra-UE (circa 1000 annui), il risultato complessivo è che il SSN tra 4-5 anni sarà desertificato. Privo delle minime esperienze e risorse umane e professionali che sono assolutamente necessarie a mantenerlo in vita come tale su tutto il vasto territorio nazionale.

Commenti

I Correlati

Riscatto laurea, le regole per il 2024

Professione | Redazione DottNet | 23/04/2024 21:14

Con questa possibilità di può aumentare l’importo dell’assegno pensionistico e anticipare la pensione, in misura pari al numero di anni riscattati

Anche un sms per ricordare che possono accedere ad un controllo

La lettura combinata delle norme suggerisce, pertanto, di fare esclusivo riferimento ai termini di prescrizione e decadenza che scadono entro il 31 dicembre dell’anno in cui è disposta la sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari per e

I progetti vincitori, selezionati da una giuria tecnica e tramite voto popolare sono stati annunciati durante il 24o Convegno Nazionale Conacuore

Ti potrebbero interessare

Riscatto laurea, le regole per il 2024

Professione | Redazione DottNet | 23/04/2024 21:14

Con questa possibilità di può aumentare l’importo dell’assegno pensionistico e anticipare la pensione, in misura pari al numero di anni riscattati

La lettura combinata delle norme suggerisce, pertanto, di fare esclusivo riferimento ai termini di prescrizione e decadenza che scadono entro il 31 dicembre dell’anno in cui è disposta la sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari per e

"In alcuni passaggi il testo di cui si è avuta notizia informale differisce da quello ricevuto prima della riunione dello scorso 7 dicembre presso il Ministero della salute, sulla quale c'era stata condivisione quasi unanime"

E scrive a Cirio per osservazioni sul Protocollo siglato in Piemonte