Efficacia della mindfulness per i pazienti con emicrania cronica ai tempi del Covid

Medicina Interna | Redazione DottNet | 27/05/2022 16:31

Due terzi dei pazienti con emicrania interrompono i farmaci a causa dell’inefficacia o di eventi avversi, nonostante una significativa disabilità causata dall'emicrania

L'emicrania è la seconda causa di disabilità nel mondo. Due terzi dei pazienti con emicrania interrompono i farmaci a causa dell’inefficacia o di eventi avversi, nonostante una significativa disabilità causata dall'emicrania. Dato ciò esiste un bisogno significativo di trattamenti!1

La riduzione dello stress basata sulla consapevolezza (Mindfulness-based stress reduction - MBSR), un trattamento mente-corpo standardizzato che insegna la consapevolezza momentanea con una diminuzione del giudizio percettivo sensoriale, è associata a miglioramenti in molte condizioni di dolore cronico. La consapevolezza (o mindfulness) può essere particolarmente utile per l'emicrania, poiché diminuisce le risposte affettive allo stress, il fattore scatenante dell'emicrania più comune. Inoltre, la consapevolezza diminuisce il dolore sperimentale affettivo (cioè sgradevolezza del dolore) e sensoriale (cioè l'intensità del dolore) coinvolgendo regioni cerebrali importanti per la modulazione del dolore cognitivo e affettivo. I processi affettivi/cognitivi, come la depressione, la catastrofizzazione del dolore e l'autoefficacia, possono svolgere un ruolo significativo nell'emicrania e nella disabilità associata. Per questo motivo anche se i pazienti con emicrania usano comunemente trattamenti mente-corpo e piccoli studi dimostrano sicurezza, fattibilità e benefici preliminari, standardizzati, sono necessari approcci rigorosi che valutino sia i benefici clinici che i meccanismi.1

Wells et al. hanno condotto uno studio clinico randomizzato in doppio cieco comparando, in adulti con emicrania, MBSR rispetto all’educazione al mal di testa. Hanno ipotizzato che, rispetto all'educazione al mal di testa, l'MBSR migliorerebbe la frequenza dell'emicrania, la disabilità, la qualità della vita ei processi affettivi/cognitivi (p. es., depressione, catastrofismo del dolore e autoefficacia).1

In realtà da questo studio viene fuori che l'MBSR non è associato a un miglioramento della frequenza dell'emicrania più dell'educazione al mal di testa, poiché entrambi i gruppi avevano diminuzioni. Nonostante ciò rispetto all'educazione al mal di testa, i partecipanti all'MBSR hanno avuto miglioramenti nella disabilità correlata al mal di testa, nella qualità della vita, miglioramenti nella depressione, nell'autoefficacia, nella catastrofizzazione del dolore e nella diminuzione dell'intensità del dolore e della spiacevolezza.1

Un secondo studio di Grazzi et al. svolto presso l'Istituto Neurologico “Carlo Besta” della Fondazione IRCCS, hanno seguito una coorte di pazienti che hanno completato una sospensione supervisionata di farmaci, seguita da una profilassi specifica per l'emicrania, ma anche un programma appositamente progettato per la pratica della consapevolezza, che viene seguito per 6 settimane in piccoli gruppi di pazienti. Poiché il coronavirus ha iniziato a diffondersi rapidamente in tutta Italia, il loro approccio in clinica non era più consigliabile o fattibile, poiché i pazienti non potevano partecipare alle sessioni su base regolare. Per questo motivo in Gazzi et al. hanno studiato la fattibilità e l'efficacia della consapevolezza tramite smartphone combinato a videochiamate per la valutazione clinica e il follow-up di pazienti con emicrania cronica.2

Hanno organizzato e valutato un intervento pilota capace di utilizzare la tecnologia esistente, in questo caso gli smartphone, per garantire che i pazienti potessero ricevere e praticare il trattamento di consapevolezza in aggiunta alle loro cure una volta che non erano più in grado di tornare in ospedale per il trattamento di persona. Venti pazienti reclutati e curati presso l'Unità di Neuroalgologia dell'Istituto Neurologico “Carlo Besta” della Fondazione IRCCS, hanno completato il loro programma standard di sospensione dei farmaci. Successivamente, è stata fornita loro la formazione aggiuntiva necessaria per la consapevolezza sul proprio smartphone che si esercitava ogni giorno per 12 minuti. Tutte le sessioni a distanza sono state registrate dall'esperto che generalmente gestisce le sessioni faccia a faccia in ospedale. È stata effettuata una videochiamata settimanale separata per valutare le loro condizioni cliniche e incoraggiare e rafforzare l'uso delle strategie di gestione del dolore fornite.2

I pazienti hanno dovuto registrare i loro episodi di cefalea sul diario giornaliero e sono stati seguiti da incontri regolari ogni 3 mesi fino a 1 anno. Ad oggi, quindici pazienti hanno completato il protocollo di trattamento, riportando una riduzione media dei giorni di emicrania al mese del 50%, con una riduzione media concomitante dell'assunzione di farmaci al mese della stessa quantità, il 50% registrata dal diario giornaliero del mal di testa. Al termine del programma, I pazienti hanno riportato emicrania senza aura ad alta frequenza; non hanno segnalato un uso eccessivo di farmaci. Quindi questi risultati preliminari, registrati dopo il trattamento, suggeriscono come questa modalità di trattamento combinato, che ha permesso ai pazienti di continuare il loro percorso terapeutico e di essere seguiti regolarmente, ma a distanza, abbia rivelato una significativa diminuzione in termini di indici clinici. Vediamo perciò come questo approccio, evolutosi in risposta ad una grave crisi sanitaria, richieda ulteriori e più controllate indagini per documentare e replicare sia l'efficacia clinica sia il risparmio di tempo da parte dei pazienti e del personale, oltre che di risorse.2    In sintesi, la consapevolezza (la mindfulness) può aiutare a trattare il carico totale dell'emicrania.1

Bibliografia:

  1. Wells RE et al. Effectiveness of Mindfulness Meditation vs Headache Education for Adults With Migraine: A Randomized Clinical Trial. JAMA Intern Med. 2021 Mar 1;181(3):317-328. doi: 10.1001/jamainternmed.2020.7090.

  2. Grazzi L et al. Effectiveness of mindfulness by smartphone, for patients with chronic migraine and medication overuse during the Covid-19 emergency. Neurol Sci. 2020 Dec;41(Suppl 2):461-462. doi: 10.1007/s10072-020-04659-0.

Ultime News