Canali Minisiti ECM

Scoperta la possibile causa genetica dell'obesità nei bambini

Medicina Interna Redazione DottNet | 06/05/2024 14:21

Variante forse legata al funzionamento dell'ipotalamo

Identificata una variante genetica causale fortemente associata all'obesità infantile: la scoperta si deve ai pediatri del Children's Hospital di Philadelphia (Chop) ed è resa nota sulla rivista Cell Genomics. Lo studio fornisce nuove intuizioni sull'importanza di una regione del sistema nervoso, l'ipotalamo e del suo ruolo nell'obesità infantile comune. Il gene potrebbe servire come un bersaglio trattabile con future terapie.

Sia i fattori ambientali, sia quelli genetici giocano ruoli critici nell'aumento dell'incidenza dell'obesità infantile. Studi precedenti mostrano che le vie neuronali nell'ipotalamo regolano il consumo di cibo e sono regolatori chiave della malattia. Confrontando il genoma di bambini obesi con quello di coetanei di peso normale i pediatri hanno individuato una variante genetica specifica fortemente associata solo all'obesità infantile e non a quella dell'adulto; il gene si trova sul cromosoma 12 e si chiama 'rs7132908' e si trova vicino al gene FAIM2 importante per lo sviluppo del sistema nervoso. 

pubblicità

"La variante scoperta si associa a uno dei segnali genetici più forti mai trovati per l'obesità infantile", spiega il primo autore dello studio Sheridan Littleton. In esperimenti in provetta i ricercatori hanno dimostrato che a questa variante si associa potenzialmente una riduzione dei neuroni nella regione ipotalamica. "Con ulteriori ricerche, c'è il potenziale per scoprire come questa variante genetica possa divenire il bersaglio di nuove terapie specificamente progettate per trattare l'obesità infantile", aggiunge.

Oltre all'obesità infantile, il locus in questione è stato trovato essere collegato a una varietà di problemi di salute correlati, tra cui una suscettibilità elevata al diabete di tipo 2, un aumento della percentuale di grasso corporeo nei bambini e negli adulti, e un'età più precoce del ciclo mestruale. "Questo lavoro sottolinea ulteriormente come il cervello sia centrale nella genetica dell'obesità e ci fornisce una strategia per ulteriori studi", concludono i ricercatori.

Commenti

I Correlati

Da un mix di molecole anti-neuroinfiammazione riduzione del dolore addominale

"Prevalentemente, tra le forme invasive, stiamo maggiormente osservando polmoniti, anche complicate da versamento pleurico"

L'allarme lanciato dall'organizzazione Peter Pan Odv

Solo il 7% consuma le consigliate 5 porzioni al giorno di frutta e verdura

Ti potrebbero interessare

Lo ricorda Antonella Litta, medico referente dell'Associazione medici per l'ambiente Isde-Italia, nella Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità

Scoperto Mytho, il nuovo gene anti-età

Medicina Interna | Redazione DottNet | 19/06/2024 18:46

La sua attivazione permette di mantenere un invecchiamento in salute

Circa tre sportivi su quattro (74%) utilizzano anche app e dispositivi dedicati al fitness

Calvaruso: “Con il progetto Love Your Liver un team di epatologi si è recato in quattro scuole medie di Milano, Roma, Padova, Palermo per spiegare l’importanza del fegato e stimolare i più giovani alla prevenzione”

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie