Professione
Professione
Canali Minisiti ECM

Ecm, novità sui crediti: approvate nuove date. Rischi assicurativi per chi viola le norme

Professione Redazione DottNet | 13/05/2024 17:13

Non sarà possibile accumulare nuovi crediti, ma solo usare quelli effettuati nel 2023

Novità per la formazione medici Ecm: la Commissione nazionale per la formazione continua ha modificato la gestione dei crediti ECM che influenzano direttamente la procedura di spostamento dei crediti formativi tra diversi trienni. A partire da aprile 2024, sarà, infatti, possibile per i professionisti sanitari trasferire i crediti ECM accumulati nel 2023—considerato un anno di proroga—dal triennio 2023-2025 al triennio 2020-2022. Questa operazione potrà essere effettuata tramite il sito CoGeAPS. La delibera 6/24 (clicca qui per scaricare il testo completo) della Commissione ECM stabilisce chiaramente: "L'acquisizione dei crediti formativi relativi al triennio 2020-2022 è consentita fino al 31 dicembre 2023, per tutti i professionisti che hanno conseguito i crediti entro tale data. Lo spostamento dei crediti è consentito fino al 31 dicembre 2025". L’estensione offre un maggiore respiro ai professionisti che, per vari motivi, potrebbero non aver completato il ciclo formativo nel periodo stabilito.

pubblicità

La delibera originaria permetteva, invece. l'acquisizione dei crediti formativi fino al 31 dicembre 2023, con eventi conclusi entro quella data. Con il nuovo provvedimento anche i crediti ottenuti entro il 31 dicembre 2023 sono validi, indipendentemente dalla data di fine dell'evento, estendendo il periodo di trasferimento fino al 31 dicembre 2025. Queste modifiche, progettate per offrire maggiore flessibilità e supporto ai professionisti sanitari nel mantenimento della loro formazione continua, permettono anche coloro che hanno accumulato crediti entro il limite del 2023 di beneficiare di una finestra più ampia per regolarizzare la loro situazione, adattandosi meglio alle esigenze personali e professionali di ciascuno, scongiurando il pericolo di perdere la copertura assicurativa, per quei professionisti sanitari non in regola con almeno il 70% del fabbisogno formativo previsto.

Commenti

Rispondi
Rispondi
Rispondi
Rispondi

I Correlati

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

Fra i concetti chiave la necessità di integrazione del dato della misurazione parametrica della glicemia con il profilo clinico e la storia clinico-terapeutica di ogni singolo paziente

Ti potrebbero interessare

"Onorata della conferma dal ministro, dovrò rinunciare all’Ordine dei Medici"

La Federazione nazionale degli Ordini TSRM e PSTRP esprime il proprio apprezzamento per l'attenzione riservata dal Ministero dell’università e della ricerca nei confronti delle professioni sanitarie ad essa afferenti

Indispensabile per le aziende una strategia per arginare il fenomeno

L’Università degli studi di Palermo, l’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli e l’Università degli studi di Napoli Federico II sono tra gli atenei dove si è registrato il punteggio medio più alto. In coda alla classifica la Sardegna