Canali Minisiti ECM

Il Gruppo Chiesi e il Karolinska Institutet insieme per affrontare le sfide sanitarie più urgenti

Aziende Redazione DottNet | 14/05/2024 13:31

L’obiettivo comune della collaborazione è contribuire al progresso scientifico e migliorare il percorso di cura dei pazienti attraverso una cooperazione in termini di ricerca, sviluppo e innovazione

Il Gruppo Chiesi, gruppo biofarmaceutico internazionale orientato alla ricerca, è lieto di annunciare la firma di una lettera d’intenti con il Karolinska Institutet, una delle università mediche più importanti al mondo. L’accordo conferma la volontà delle due organizzazioni di unire gli sforzi al fine di sviluppare soluzioni terapeutiche per le sfide sanitarie più urgenti.

Questa importante collaborazione tra Chiesi e Karolinska Institutet (KI) ha l'obiettivo di accelerare l’attività di ricerca e sviluppo nell’area delle malattie respiratorie, delle malattie rare, delle patologie correlate alla prematurità e delle cure specialistiche.

pubblicità

Il Gruppo Chiesi e KI condivideranno idee, conoscenze e risorse al fine di trasformare più velocemente le scoperte scientifiche in soluzioni terapeutiche concrete. Le due realtà hanno l’obiettivo comune di favorire il progresso scientifico e migliorare il percorso di cura dei pazienti attraverso un lavoro congiunto in termini di ricerca, sviluppo e innovazione. Fabrizio Conicella, Head of Center for Open Innovation and Competence del Gruppo Chiesi, ha dichiarato: "Riteniamo che la collaborazione con un centro accademico di tale eccellenza e fama mondiale offrirà notevoli opportunità non solo per velocizzare la nostra pipeline, ma anche per esplorare e introdurre modalità di collaborazione innovative tra università e aziende".

Mark Parry-Billings, Head of Drug Development di Chiesi e Site Head of R&D Operations di Chiesi presso il Karolinska Science Park, ha commentato: "Siamo davvero contenti di compiere un ulteriore passo insieme al KI attraverso questo accordo, che farà leva sui successi ottenuti in passato e pone le basi per una collaborazione di ricerca e sviluppo dinamica, in una serie di ambiti scientifici mirati, tra cui, ad esempio, quello della medicina traslazionale".   

Åsa Wheelock, membro del Consiglio di amministrazione dell'alleanza Chiesi-KI e responsabile dell'Unità di Medicina Respiratoria del Dipartimento di Medicina di Solna del KI, ha affermato: "Siamo entusiasti di intraprendere con il Gruppo Chiesi questa collaborazione strategica, che riflette il nostro comune impegno per il progresso della ricerca scientifica e il miglioramento dei percorsi di cura dei pazienti. KI e Chiesi condividono una lunga storia di successi nel campo delle malattie respiratorie e della neonatologia. Questa alleanza costituisce una solida base per ampliare la nostra collaborazione, oltre a quella già in corso, volta alla creazione di un sottogruppo di pazienti che si identificano nello spettro dell’asma-BPCO. Questo accordo sottolinea l'impegno del Karolinska Institutet nel trasformare la ricerca d'avanguardia in soluzioni concrete che rispondano ai bisogni dei pazienti di tutto il mondo". Attraverso questa collaborazione, il Gruppo Chiesi e il KI potranno guidare l'innovazione, accelerare la scoperta scientifica e, inoltre, migliorare i risultati per i pazienti nelle aree in cui esistono bisogni non ancora soddisfatti.

Commenti

I Correlati

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie

Acquisito di un portafoglio di farmaci etici dall’elevato valore terapeutico, principalmente in area ginecologica

Zambon propone una visita guidata del campus scientifico OpenZone di Bresso (MI) e dell’Health & Quality Factory di Vicenza. Dompé Farmaceutici Spa apre le porte dell'azienda agli studenti universitari, delle scuole primarie e secondarie de L’Aquila

L'azienda anglo-svedese a fine aprile ha ammesso per la prima volta in documenti giudiziari nel corso di un procedimento legale a Londra che il suo vaccino anti Covid può causare trombosi come raro effetto collaterale

Ti potrebbero interessare

Acquisito di un portafoglio di farmaci etici dall’elevato valore terapeutico, principalmente in area ginecologica

Zambon propone una visita guidata del campus scientifico OpenZone di Bresso (MI) e dell’Health & Quality Factory di Vicenza. Dompé Farmaceutici Spa apre le porte dell'azienda agli studenti universitari, delle scuole primarie e secondarie de L’Aquila

L'azienda anglo-svedese a fine aprile ha ammesso per la prima volta in documenti giudiziari nel corso di un procedimento legale a Londra che il suo vaccino anti Covid può causare trombosi come raro effetto collaterale

Il farmaco è indicato per il trattamento dell'ipertensione arteriosa polmonare e altre condizioni respiratorie

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie