Professione
Professione
Canali Minisiti ECM

Maria Triassi confermata nella task force di valutazione degli IRCCS

Professione Redazione DottNet | 14/06/2024 16:30

"Onorata della conferma dal ministro, dovrò rinunciare all’Ordine dei Medici"

La professoressa Maria Triassi, Ordinario di Igiene e Direttore del Dipartimento ad Attività Integrata di Sanità pubblica, Farmacoutilizzazione e Dermatologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, confermata nella Commissione Nazionale del Ministero della Salute che valuta la sussistenza i requisiti per l'acquisizione o la conferma del carattere di Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS). La nomina è stata confermata dal ministro Orazio Schillaci.

La Commissione di Valutazione IRCCS è incaricata di verificare che gli istituti candidati rispettino gli elevati standard richiesti per ottenere o mantenere il carattere di Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. I compiti della Commissione includono l'analisi e la valutazione dei requisiti scientifici, organizzativi e assistenziali degli istituti, assicurando che essi contribuiscano significativamente al progresso della ricerca medica e alla qualità dell'assistenza sanitaria in Italia.

pubblicità

La professoressa Triassi, con una carriera di successo nel campo della Sanità Pubblica, è riconosciuta a livello nazionale per il suo contributo alla ricerca e alla formazione. La sua vasta esperienza e competenza saranno fondamentali per supportare il lavoro della Commissione di Valutazione, contribuendo al miglioramento continuo degli IRCCS nel nostro Paese.

«Sono onorata di ricevere questa conferma e di poter contribuire, insieme ai colleghi della Commissione, al rafforzamento della qualità e dell'eccellenza degli IRCCS», dice la professoressa Triassi. «Lavoreremo con impegno per garantire che questi istituti continuino a rappresentare dei punti di riferimento nella ricerca e nella cura dei pazienti».

In considerazione dei suoi numerosi e crescenti impegni professionali, che la rendono punto di riferimento per il management sanitario e la sicurezza nei luoghi di lavoro la professoressa Triassi non potrà più partecipare attivamente alla vita dell'Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Napoli e provincia. La decisione di non ricandidarsi è stata presa per garantire il massimo impegno nelle sue importanti responsabilità, assicurando così un contributo efficace e continuativo anche alla Commissione. «Sono profondamente grata per gli anni trascorsi all'interno del Consiglio Direttivo dell'Ordine dei Medici di Napoli come unica donna che è stata confermata per più mandati – conclude Triassi – un’esperienza che mi ha arricchito professionalmente e umanamente, ma che ora ritengo conclusa».

Commenti

I Correlati

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

L’Inps con la Circolare n. 69 del 29 maggio 2024, ha fornito tutte le indicazioni per l’applicazione del nuovo istituto del riscatto di periodi non coperti da contribuzione, reintrodotto nell’ordinamento dalla Legge 30 dicembre 2023, n. 213

Consegnati nel complesso dell’Università Federico II i diplomi agli studenti della prima edizione dell’Academy italiana del Pharma finanziata con oltre 2 milioni di euro dal Centro Nazionale di Ricerca

I controlli sulle Asl restino alle Regioni ma che in caso di inadempienze si attivi il potere sostitutivo dello Stato. Smi: superare il tetto di spesa sul personale medico

Ti potrebbero interessare

"In piazza per la messa in discussione del ruolo della professione e la perdita del potere d’acquisto degli stipendi che il Censis ha quantificato in -6,1% in sette anni, tra il 2015 e il 2022"

Di Silverio: “L’aumento del 5,78% atteso nel prossimo CCNL è lontanissimo dall’indice inflattivo calcolato per lo stesso triennio, pari a 15,4%, come riconosciuto dallo stesso Presidente Aran"

Con un’età media di oltre 50 anni e circa 10.000 professionisti in uscita nei prossimi 10 anni, il settore si prepara a un importante ricambio generazionale

Gli incarichi non possano avere durata superiore ai dodici mesi e possono essere disposti solo in favore di operatori economici che si avvalgono di personale medico ed infermieristico in possesso dei requisiti di professionalità prescritti