Canali Minisiti ECM

Italiani e attività fisica: uno su due fa sport, spesso col supporto della tecnologia

Medicina Interna Redazione DottNet | 17/06/2024 15:48

Circa tre sportivi su quattro (74%) utilizzano anche app e dispositivi dedicati al fitness

Metà degli italiani fa sport, anche in maniera saltuaria, e sono sempre di più coloro che si allenano con il supporto di app e dispositivi dedicati al fitness e al monitoraggio delle performance. A dirlo è l’ultima indagine dell’Osservatorio Sanità[1] di UniSalute, che insieme a Nomisma ha analizzato l’atteggiamento e le abitudini degli abitanti del Bel Paese nei confronti dell’attività fisica.

Dalla ricerca - che ha coinvolto un campione rappresentativo di 1.200 persone su tutto il territorio nazionale - emerge come il 29% dichiari di praticare un’attività sportiva in maniera continuativa, in aumento rispetto alla rilevazione svolta nel 2022, quando la percentuale era solo del 25%. Se a questi si aggiunge il 21% che dice di fare sport in maniera saltuaria, il totale degli sportivi arriva al 50%, con una prevalenza degli uomini (59%) rispetto alle donne (41%). Diminuisce invece il numero degli inattivi, ossia di chi dichiara uno stile di vita totalmente sedentario, che passa dal 21% al 14% del campione.

pubblicità

L’indagine evidenzia come la tecnologia sia un’alleata sempre più preziosa per chi fa sport: quasi tre sportivi su quattro dichiarano di aver fatto uso almeno ogni tanto di app e device dedicati al fitness nell’ultimo anno, in particolare per usufruire di funzioni come il contapassi (64%), il monitoraggio delle calorie bruciate (45%) e il cardiofrequenzimetro (42%). Inoltre, in linea con un trend iniziato negli anni della pandemia, oltre la metà (55%) ha seguito anche corsi o dirette streaming di allenamento online.

Guardando alla frequenza di allenamento, il 49% dichiara di allenarsi almeno 3 volte a settimana, con il 14% che arriva anche a cinque o più sessioni nella settimana tipo. Uno su tre (31%) si allena con il supporto di un personal trainer o di un istruttore. Le attività più praticate sono la corsa e altre discipline affini all’atletica leggera (34%), lo yoga e il pilates (22%, ma sale al 40% tra le donne) e altri corsi in palestra (20%). Si conferma inoltre la passione degli italiani per il pallone, con il 19% che dichiara di giocare a calcio, calcetto o calciotto. Seguono per popolarità il ciclismo e il nuoto, entrambi al 15%. 

Ma quali fattori spingono gli italiani a dedicarsi all’esercizio fisico? Secondo i dati della ricerca, il 28% degli intervistati lo fa principalmente per curare l’aspetto fisico e mantenersi in forma; mentre il 24% per migliorare le proprie condizioni di salute. Ma lo sport svolge per molti anche una funzione chiave nella gestione dello stress e nel miglioramento del benessere mentale, con il 19% che indica questo aspetto come motivazione principale per la sua attività sportiva.  

Infine, la ricerca ha esaminato anche le caratteristiche di coloro che non praticano sport. È emerso come per la maggior parte (80%) si tratti di persone che lo hanno praticato in passato, anche solo in maniera saltuaria, ma ora hanno smesso. Come mai? La mancanza di tempo, a causa degli impegni richiesti dal lavoro e da altre attività quotidiane, è tra i motivi indicati dalla maggioranza del campione (54%). Altre motivazioni comuni sono i costi troppo alti (20%) e l’insorgere di problemi a livello fisico (19%). Uno su tre (34%), comunque, ammette di essere semplicemente pigro e di non amare fare sport.

Commenti

I Correlati

Minelli: "Organizzazioni microbiche intestinali disordinate sono state trovate in varie condizioni neuropsichiatriche come ad esempio depressione, ansia e disturbi"

Considerando la distribuzione del grasso corporeo, molte più persone potrebbero beneficiare dal trattamento dell'obesità anche se si trovano al di sotto del livello di soglia di BMI di 30

“E in estate il 68% degli ambulatori deve necessariamente chiudere o girare sotto ritmo”

Redatte da esperti settore, alla sesta International Conference

Ti potrebbero interessare

Considerando la distribuzione del grasso corporeo, molte più persone potrebbero beneficiare dal trattamento dell'obesità anche se si trovano al di sotto del livello di soglia di BMI di 30

“E in estate il 68% degli ambulatori deve necessariamente chiudere o girare sotto ritmo”

Redatte da esperti settore, alla sesta International Conference

Nel ‘fumo’ di e-cig e prodotti a tabacco riscaldato ci sono sostanze che danneggiano il DNA e che potrebbero portare a distanza di anni allo sviluppo dei tumori

Ultime News

Lo rivela uno studio a lungo termine pubblicato nella rivista Bmj Public Health e condotto da Bruce Whyte, del Glasgow Centre for Population Health

Iss, il 40% degli anziani non beve abbastanza

Geriatria | Redazione DottNet | 17/07/2024 15:20

Otto regole per non disidratarsi in estate

Studio italiano, forte impatto degli antiossidanti su spermatozoi

L'acqua del rubinetto è sicura, i parametri rispettati al 99%