Professione
Professione
Canali Minisiti ECM

Test Medicina 2024: Sicilia e Campania le regioni con i punteggi più alti

Professione Redazione DottNet | 11/06/2024 19:07

L’Università degli studi di Palermo, l’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli e l’Università degli studi di Napoli Federico II sono tra gli atenei dove si è registrato il punteggio medio più alto. In coda alla classifica la Sardegna

Sono finalmente online i risultati della prima sessione del test di Medicina 2024, tenutosi lo scorso 28 maggio. Dal 10 giugno 2024, è infatti possibile per gli aspiranti medici, consultare il proprio punteggio sulla piattaforma Universitaly, attraverso il codice univoco, abbinato ad ogni candidato. Per leggere la graduatoria definitiva, occorrerà invece attendere lo svolgimento anche della seconda sessione, in programma per il 30 luglio.

Ma qual è la panoramica che emerge da questi primi risultati?

pubblicità

Accademia dei Test della startup EdTech Futura, specializzata nella preparazione ai test di ammissione universitari, ha analizzato i punteggi anonimi, conseguiti dagli studenti, di seguito ciò che ne è emerso. Il punteggio medio ottenuto dai ben 62.279 aspiranti medici – dati Mur – che hanno preso parte alla prima sessione del test di Medicina 2024, è di 48 punti su 90. In particolare, tra gli atenei italiani si sono distinti per gli ottimi risultati l’Università degli Studi di Palermo con una media di 52 punti, l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli con 51,9, l’Università degli Studi di Napoli Federico II con 51,8, l’Università degli Studi di Salerno con 50,1 e l’Università degli Studi di Catania con 49,8. In coda alla classifica, troviamo, invece, gli atenei sardi, dove è stata registrata la media di punteggi più bassa: 41,4 punti per l’Università degli studi di Sassari e 43,1 per l'Università degli studi di Cagliari.

Un altro dato significativo che è emerso dall’analisi condotta da Accademia dei Test riguarda il raggiungimento del punteggio massimo di 90 punti, ottenuto da almeno uno studente di ciascuna università italiana e dal 1,2% di tutti i partecipanti. A distinguersi è stata tra tutte l’Università degli studi di Palermo dove si è registrato il numero maggiore di studenti, ben 57, che ha preso il massimo dei punti.

"Abbiamo elaborato i punteggi dei singoli atenei creando una graduatoria nazionale temporanea e indicativa che possa permettere agli studenti di avere un’idea realistica di come è andato il loro test. Secondo le nostre analisi, il punteggio minimo per entrare a medicina è al momento sopra ai 55 punti - commenta Andrea Chirolli, CEO di Accademia dei Test – ma migliaia di studenti sono separati da pochi decimi, quindi il nostro consiglio, a prescindere dal risultato ottenuto, è quello di continuare a perfezionare lo studio, esercitandosi anche con le simulazioni e i test pratici e di cercare di migliorare il proprio punteggio nella sessione di luglio." 

Commenti

Rispondi
Rispondi
2 Risposte Rispondi

I Correlati

L’Inps con la Circolare n. 69 del 29 maggio 2024, ha fornito tutte le indicazioni per l’applicazione del nuovo istituto del riscatto di periodi non coperti da contribuzione, reintrodotto nell’ordinamento dalla Legge 30 dicembre 2023, n. 213

"In piazza per la messa in discussione del ruolo della professione e la perdita del potere d’acquisto degli stipendi che il Censis ha quantificato in -6,1% in sette anni, tra il 2015 e il 2022"

Di Silverio: “L’aumento del 5,78% atteso nel prossimo CCNL è lontanissimo dall’indice inflattivo calcolato per lo stesso triennio, pari a 15,4%, come riconosciuto dallo stesso Presidente Aran"

Gli incarichi non possano avere durata superiore ai dodici mesi e possono essere disposti solo in favore di operatori economici che si avvalgono di personale medico ed infermieristico in possesso dei requisiti di professionalità prescritti

Ti potrebbero interessare

"In piazza per la messa in discussione del ruolo della professione e la perdita del potere d’acquisto degli stipendi che il Censis ha quantificato in -6,1% in sette anni, tra il 2015 e il 2022"

Di Silverio: “L’aumento del 5,78% atteso nel prossimo CCNL è lontanissimo dall’indice inflattivo calcolato per lo stesso triennio, pari a 15,4%, come riconosciuto dallo stesso Presidente Aran"

Con un’età media di oltre 50 anni e circa 10.000 professionisti in uscita nei prossimi 10 anni, il settore si prepara a un importante ricambio generazionale

Gli incarichi non possano avere durata superiore ai dodici mesi e possono essere disposti solo in favore di operatori economici che si avvalgono di personale medico ed infermieristico in possesso dei requisiti di professionalità prescritti